Attualità - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Roma, 19 settembre 2018 – “Voglio fare un appello alla Regione e soprattutto a Zingaretti: venga a trovarci sull’Isola e si renda conto dello spopolamento che stiamo subendo. La Regione Lazio si è dimenticata di noi, hanno deciso che dobbiamo morire così. Se Ventotene si spopolerà ancora di più, quei pochi esercizi commerciali rimasti chiuderanno e il destino dell’Isola sarà quello di scomparire.” Così il sindaco di Ventotene Gerardo Santomauro ai microfoni della trasmissione “Un giorno da ascoltare” condotta da Misa Urbano e Arianna Caramanti su Radio Cusano Campus. “Lo scorso anno avevo avanzato la proposta di accogliere sull’isola i migranti in modo da poterla finalmente vedere piena, soprattutto le mamme coi bambini, in modo tale che la scuola media potesse rimanere aperta, cosa che invece non è accaduta: molti abitanti di Ventotene hanno rifiutato la mia proposta e così attualmente la scuola media è chiusa. Le iscrizioni tuttavia sono ancora aperte fino al trenta settembre, termine ultimo, dopo di che anche la scuola media verrà chiusa definitivamente e i ragazzi saranno costretti ad andare a Formia ogni giorno anche per la propria istruzione oltre che per i servizi di base, tra i quali l’ospedale. Avevo invitato a venirci a trovare anche Matteo Salvini che però non ha nemmeno preso in considerazione la mia proposta e il mio modello di ripopolamento dell’Isola. Se si continua di questo passo a breve Ventotene scomparirà".

Roma, 19 settembre 2018 - Quasi 140mila sbarchi in meno in Italia negli ultimi dodici mesi, rispetto alla previsione media basata sugli anni precedenti, con un risparmio per lo Stato italiano pari a un miliardo di euro. Per i prossimi anni, in base al costo medio giornaliero pro-capite per l'accoglienza (35,9 per ogni migrante) e ipotizzando che il calo degli sbarchi rimanga costante, la stima media del risparmio è di 1,9 miliardi di euro. Sono alcuni dei dati emersi dallo studio 'Migranti: la sfida dell'integrazione', dell'Ong Cesvi e dell'Ispi (l'Istituto per gli studi di politica internazionale).

Trieste, 18 settembre 2018 - Per Maurizio Martina, segretario del Pd, i temi delle migrazioni si risolvono “con la piena cittadinanza, nei diritti e nei doveri, nelle responsabilita’ e nella consapevolezza che ciascuno non se la cava da solo e che la comunita’ deve essere forte e deve riconoscere le diversita’”. Martina lo ha detto a margine della visita alla Risiera di San Sabba a Trieste. In questo modo “si puo’ fare il salto di qualita’ nel vivere comune”. Questo, ha sottolineato Martina, è “il messaggio fondamentale contro l’odio, contro la xenofobia, contro l’intolleranza, contro la paura del diverso. Noi dobbiamo costruire una nuova cittadinanza nei diritti e nei doveri per ciascuno”.

Berlino, 18 settembre 2018 - La cancelliera tedesca Angela Merkel ha ricevuto a Berlino il suo omologo austriaco Sebastian Kurz, in previsione del vertice europeo in programma giovedì 20 settembre a Salisburgo.“Condividiamo le priorità della presidenza austriaca. Ciò – ha detto la cancelliera – significa che dobbiamo occuparci della tutela delle frontiere esterne. Jean Claude Juncker ha fatto altre proposte, che saluto in modo particolare”. “Sosterremo volentieri ciò che ha proposto Jean-Claude Juncker – ha aggiunto il cancelliere – cosa che chiedevamo da lungo tempo, e cioè un rafforzamento di Frontex già dal 2020, ma anche un’estensione del mandato affinché Frontex possa cooperare con i paesi di transito”.

Roma, 19 settembre 2018 - “Poi abbiamo parlato anche della questione della migrazione. L’Austria è molto contenta che l’Italia sia riuscita a bloccare e ridurre notevolmente i flussi dei migranti verso l’Italia, con un -80% rispetto all’anno scorso. E’ positivo non solo per l’Italia ma anche per l’Austria come paese di destinazione, ma anche per l’Ue nel suo complesso”. Lo ha dichiarato il cancelliere austriaco Sebastian Kurz nel corso della conferenza stampa congiunta con il premier Giuseppe Conte a Palazzo Chigi. “Ma dobbiamo trovare una soluzione complessiva nell’Ue e ridurre questi flussi, non siamo arrivati dove volevamo arrivare ma siamo nella direzione giusta”, ha aggiunto Kurz.

Firenze, 18 settembre 2018 . “Due anni fa dovevo fare il braccio di ferro, come gli altri sindaci della Lega o del Pd, con le prefetture perché volevano scaricare sui territori centinaia e centinaia di migranti e dovevamo far fronte a degli inconvenienti per i cittadini come i fondi di bilancio che dobbiamo dedicare all’emergenza sociale e la sicurezza. Sicuramente adesso non arrivano più sui territori”. Lo ha detto Susanna Ceccardi, sindaco di Cascina (Pisa) ed esponente della Lega a TgCom24. “Io faccio il sindaco e mi attengo alle ricadute sui nostri territori”, ha aggiunto Ceccardi.

Vittorio Veneto, 17 luglio 2018 – I casi di malattie portate da immigrati “ci riportano con il pensiero e alla mente a quello che è il rischio delle epidemie, in alcuni casi di malattie che non conoscevamo più come la scabbia, la tubercolosi e inoltre abbiamo avuto casi di lebbra in passato”. Così il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, oggi a margine di un incontro a Vittorio Veneto. “Credo sia fondamentale porre la questione sul tema sanità perché se un immigrato ha la tubercolosi e fugge e scappa non possiamo più curarlo, salvargli la vita e riportarlo in salute ma corriamo anche rischi per tutta la nostra comunità” ha concluso.

Altri articoli...