Camera: ddl Amato-Ferrero adottato come testo base - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Attualità
La Cdl si è espressa contro: vogliamo la sospensione dell'esame in commissione

ROMA - La commissione Affari costituzionali della Camera ha adottato il disegno di legge Amato-Ferrero sull' immigrazione come testo base.

La Cdl si è espressa contro, la Lega ha chiesto il ritiro del provvedimento da parte del governo.

Ignazio La Russa, Maurizio Gasparri, Italo Bocchino e gli altri componenti di An della commissione Affari Costituzionali, hanno formalmente richiesto al Presidente Luciano Violante la sospensione dell'esame in commissione del Ddl Amato-Ferrero che intende modificare la Bossi-Fini in tema di immigrazione. "Il provvedimento - sostengono i deputati di An - voluto dal centrosinistra e dettato dalla parte più estrema della coalizione di Prodi, è innanzitutto dannoso e pericoloso per la sua attitudine a moltiplicare l'afflusso di immigrati clandestini senza possibilità di controllo per lo Stato e per i cittadini".

"In ogni caso - proseguono - appare del tutto inopportuno votarlo alla Camera mentre al Senato si discute del decreto che interessa l'emergenza rom che confligge culturalmente con la proposta Amato-Ferrero. Ancor di più, sul piano dell'opportunità politica risulta incomprensibile non discuterne in commissione contestualmente almeno sul piano temporale. Per questo motivo si è chiesto di rinviare la discussione alla data in cui arriverà alla Camera il decreto sui rom ancora all'esame del Senato". "Il Presidente Violante - concludono i deputati di Alleanza Nazionale - ha rigettato la richiesta che farebbe emergere in forma evidente la strumentalità e l'inconciliabilità delle posizioni dei gruppi di centrosinistra".

An, in particolare, ha protestato contro la decisione di adottare il provvedimento Amato-Ferrero come testo base chiedendone il ritiro. "E' inopportuno - dichiara il deputato di An Italo Bocchino - che questo testo venga votato alla Camera mentre a Palazzo Madama si discute del decreto sulle espulsioni che confligge culturalmente con questo disegno di legge". Duro è anche il commento del capogruppo della Lega in commissioni Affari costituzionali Roberto Cota: "Siamo al paradosso: mentre c'é un evidente problema con gli immigrati che arrivano in Italia e fanno quello che vogliono, la commissione vuole adottare come testo base della nuova legge sull'immigrazione il testo proposto da Amato e Ferrero che consente agli extracomunitari di restare da noi anche se non hanno un lavoro".

Il presidente della commissione Luciano Violante ha respinto le richieste di sospensione dei lavori e di ritiro del provvedimento presentate dalla Cdl e ha fissato a martedì 13 novembre il termine per la presentazione degli emendamenti.
Soddisfatto invece il relatore del testo Gianclaudio Bressa che ha definito il Ddl sull'immigrazione e il pacchetto sicurezza "due facce della stessa medaglia". Per avere sicurezza in Italia, sottolinea il parlamentare, bisogna modificare l'attuale legge sull'immigrazione, la Bossi-Fini, che é "una vera fabbrica di illegalità".

(7 novembre 2007)

s.c.