Emiliano (Pd): 'Occorre regolare e gestire i flussi' - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia
10
Lun, Dicembre

Attualità
Roma, 12 setteembre 2018 – “Siamo stati entusiasti di lavorare con voi, abbiamo conosciuto punti di vista e persone attraverso il vostro lavoro. Ci piacerebbe essere anche il luogo dove si cura, con un approccio sistemico, la condizione dei bambini di tutto il mondo, partendo dalla questione sanitaria per arrivare a quella di formazione e scolastica. È complicatissimo, lo so, perché è difficilissima la costruzione di una relazione con i sistemi di cura dei bambini, però, partendo dalle necessità oggettive, la Puglia potrebbe continuare ad essere quel luogo di accoglienza che, per sua vocazione riconosciuta, continua ad essere. Ecco noi non vogliamo rinunciare a questo ruolo”. Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenuto questa mattina, presso la Casa della Partecipazione in Fiera del Levante a Bari, alla giornata di informazione, discussione e sensibilizzazione dedicata alla Puglia quale luogo che guarda allo sviluppo ed alla resilienza dei popoli, sia sul proprio territorio che nei Paesi terzi. L’evento è organizzato dal Dipartimento Politiche Internazionali della Regione Puglia, coordinato dal direttore Bernardo Notarangelo, con la preziosa collaborazione dell’Istituto Agronomico mediterraneo CIHEAM, a Bari, e della Base di Pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite UNHRD, a Brindisi. Le due organizzazioni internazionali operano, da decenni sul territorio pugliese per rafforzare la resilienza delle popolazioni che si trovano a dover affrontare difficoltà ed emergenze quali catastrofi naturali e conflitti. Essi operano per offrire una concreta assistenza, allo sviluppo e umanitaria, anche per conto di una più vasta comunità internazionale e in molti casi grazie al fondamentale sostegno dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo (AICS) anch’essa presente all’evento insieme alla Direzione generale cooperazione allo sviluppo (DGCS) del Ministero degli esteri.