Giornata Internazionale del Migrante 2016, Onu: "Basta xenofobia" - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Attualità

Il 18 dicembre in tutto il mondo si celebrano i diritti dei migranti, sanciti anche da una convenzione che l’Italia non ha ancora ratificato. Il messaggio di Ban Ki-moon 

 

New York – 16 dicembre 2016 -  “È stato un altro anno turbolento per profughi e migranti. Abbiamo visto continuare gli effetti devastanti dei conflitti armati sulle popolazioni civili, morte, distruzione e trasferimenti forzati. Siamo stati testimoni dell’inaccettabile perdita di migliaia di vite nel Mediterraneo e altrove. E, per aggiunge insulto all’ingiuria, siamo stati testimoni della crescita di movimenti populisti che cercano di isolare ed espellere migranti e profughi e di incolparli di vari mali della società”. 

Così il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon nel messaggio diffuso alla vigilia della Giornata Internazionale del Migrante, che si celebrerà in tutto il mondo il 18 dicembre.

C’è però spazio anche per la speranza, rappresentata dalla Dichiarazione di New York adottata lo scorso settembre dai leader mondiali. Ora però è cruciale che “i governi onorino i loro impegni e costruiscano su questi, per gestire i larghi movimenti di rifugiati e migranti in modo compassionevole, centrato sulle persone, che risponda ai bisogni di genere e radicato nei diritti umani fondamentali”.

“Ogni migrante è un essere umano con diritti umani” ricorda il numero uno dell’Onu, che chiede una “più forte cooperazione tra Paesi di origine, transito e destinazione”. Bisogna però anche “respingere intolleranza, discriminazione e politiche guidate da retorica xenofoba e il fare degli immigrati dei capri espiatori. Quelli che sfruttano e cercano di far del male agli immigrati devono risponderne”. 

Le migrazioni forzate non si fermeranno se non se ne affronteranno le cause. La lista è lunghissima: “povertà, fame, conflitti armati, disastri naturali e degrado ambientale, malgoverno, persistenti diseguaglianze e violazioni di diritti economici, sociali, civili, politici o culturali”. Il buon governo dell’immigrazione, secondo Ban Ki-moon, deve invece anche “espandere canali sicuri di migrazione legale, inclusi ricongiungimenti familiari, ingressi per lavoro a tutti i livelli di competenze, e opportunità di studio per bambini e adulti così come depenalizzare la migrazione irregolare e regolarizzare lo status dei migranti senza documenti”. 

“In questa Giornata Internazionale del Migrante – conclude il segretario generale dell’oni -  chiedo alla comunità internazionale di andare avanti con l’accordo globale per una migrazione sicura, regolare e ordinata come importante contributo alla costruzione di un mondo di pace, prosperità, dignità e opportunità per tutti”. 

La Giornata Internazionale del Migrante si celebra nell’anniversario dell’adozione della Convenzione Internazionale sulla Protezione dei Diritti dei Lavoratori Migranti e dei Membri delle loro Famiglie” da parte dell’assemblea generale delle Nazioni Unite (18 dicembre 1990). Vietano discriminazioni, trattamenti disumani e sfruttamento e sancisce una lunga serie di diritti indipendenti dallo status legale dei lavoratori migranti, ai quali se ne aggiungono altri per i migranti regolari.

Finora è stata ratificata solo da una cinquantina di Stati del mondo, quasi tutti Paesi da quali partono flussi migratori, mentre latitano i principali Paesi di destinazione. L’Italia non l’ha ancora ratificata.

EP