Lega: redistribuire migranti? Pronti a blocchi stradali - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Attualità

Milano, 16 maggio 2017 - “Al tavolo convocato giovedì dal Prefetto di Milano, per annunciare ai sindaci della Città Metropolitana l’arrivo di 5.000 immigrati richiedenti asilo da smistare nei comuni dell’area metropolitana, i sindaci della Lega Nord, come hanno sempre fatto finora, ribadiranno il loro no al recepimento di richiedenti asilo su base volontaria e ribadiranno al Prefetto di distribuire le loro quote sui sindaci del Pd, che tanto li accetteranno per non disobbedire ai diktat del loro partito”.

Sono le parole di Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda e deputato della Lega Nord, che, con una nota, chiarisce la posizione del Carroccio in merito alla redistribuzione dei richiedenti asilo su tutto il territorio della Grande Milano.

Giovedì in Prefettura è atteso il ministro dell’Interno, Marco Minniti, davanti al quale ci sarà la firma del protocollo che coinvolge numerosi Comuni dell’hinterland nella accoglienza dei profughi. A fronte di questo progetto, la Lega Lombarda, attraverso Grimoldi, avverte: “Nel caso il Prefetto optasse per inviare questi immigrati in maniera coercitiva, scavalcando i sindaci eletti dai cittadini, non esiteremo a impedirne l’arrivo arrivando anche ai blocchi stradali se necessario”. “Siano i sindaci del Pd - ha sottolineato - a prendersi gli immigrati che sta facendo entrare il governo del Pd”.

“I sindaci della Lega Nord – ha proseguito Grimoldi – da oltre un anno chiedono alla Città Metropolitana risposte e risorse per servizi fondamentali per i cittadini quali il trasporto pubblico locale o l’assistenza scolastica e il trasporto per gli studenti disabili e ogni volta si sentono puntualmente rispondere che non ci sono fondi disponibili, fondi che però ci sono, e pure tanti, quando si tratta di accogliere e mantenere 5000 immigrati africani che non scappano da nessuna guerra, dato che non parliamo di richiedenti asilo siriani”.