Mediterranea, la nave italiana per i migranti varata da ong - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia
16
Dom, Dicembre

Attualità
Roma, 5 ottobre 2018 - “Mediterranea oggi ha messo in mare una nave che ha bandiera italiana, che è nel Mediterraneo centrale, che è in questo momento in uno spazio di frontiera, diventato un vero e proprio cimitero a cielo aperto. La nostra missione è quella di essere presenti in mare, per svolgere attività di monitoraggio, testimonianza e denuncia della drammatica situazione che quotidianamente vivono donne, uomini e bambini, attraversando il Mediterraneo centrale che in questo momento è in assenza di soccorso, nel silenzio e nella complice indifferenza del governo italiano ed europei”. L’annuncio è di Ada Talarico della rete Mediterranea, durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa.“Otto migranti al giorno in media muoiono nelle acque del Mediterraneo centrale – sottolinea – e noi oggi abbiamo deciso di difendere un diritto fondamentale, quello della vita. La nostra scelta, con Mediterranea, è stata quella di attivarsi, impegnarsi concretamente e agire”.“Vogliamo vincere la paura e il disprezzo con la solidarietà, vogliamo salvare noi stessi da un presente e un futuro di odio. Mediterranea è qualcosa di inedito, di mai visto. Non è una Ong, ma è una azione non governativa, con un obiettivo concreto che abbiamo messo in mare”, ha concluso Talarico.
Obiettivo del progetto – che vede tra i promotori varie associazioni, Onlus, ONG tra cui Arci nazionale, Ya Basta di Bologna, la ONG Sea-Watch, il magazine online I Diavoli e l’impresa sociale Moltivolti di Palermo – è quello di non stare a guardare dopo la morte di 1.719 persone nel Mediterraneo nel 2018, ma di riprendersi la propria umanità.