Minniti: governare flussi e farlo in Africa - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Attualità
Roma, 25 luglio 2017 - “Oggi abbiamo fatto un altro passo avanti, non era semplice coinvolgere altri Paesi africani, abbiamo un gruppo di contatti importanti da parte dell’Europa, e oggi si sono aggiunti alla Tunisia e alla Libia, l’Algeria, il Niger, il Mali e il Ciad che sono Paesi chiave per il controllo della rotta del mediterraneo centrale”. Così ha detto il ministro dell’Interno, Marco Minniti, nel corso di una intervista al Tg1.

“L’idea è abbastanza convincente. Si tratta di governare i flussi migratori e di farlo in Africa, di farlo con progetti di sviluppo di lungo periodo e di medio periodo e farlo con interventi immediati che consentano di avere dei centri di accoglienza che governino i flussi migratori, che prevedano il rispetto dei diritti umani”. Insomma “dal nostro punto di vista è molto importante, è molto importante la presenza qui per l’Organizzazione Mondiale dell’Immigrazione e dell’UNHCR quindi della Nazioni Unite, è molto importante che si sia deciso un passo che va nella direzione dei rimpatri volontari assistiti. Governare i flussi in Africa e se possibile rimpatriare con opportunità di vita coloro che hanno affrontato la sfida dell’attraversamento del deserto. Ecco è una opzione molto forte, molto impegnativa, strategicamente decisiva. Io penso che oggi qui a Tunisi si sia fatto un ulteriore passo avanti. La comunità internazionale comincia ad affrontare queste questioni sapendo che non c’è una unica soluzione risolutiva, ma che ci sono tanti passi da fare avanti insieme, che nessun Paese può farcela da solo e nessun Paese può esser lasciato da solo”.