Attualità - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia
21
Mer, Novembre

Roma, 15 ottobre 2018 - Non c'é tensione tre i migranti che vivono a Riace, dopo la circolare con cui ieri il Ministero dell'Interno ne ha disposto il trasferimento, ma preoccupazione e rabbia sì. Sentimenti che un gruppo di giovani che vivono da tempo nel centro del reggino ha voluto esprimere direttamente al sindaco, Domenico Lucano, andando a trovarlo nella casa in cui dal 2 ottobre si trova agli arresti domiciliari. "Non vogliamo andare via da Riace. Qui c'é la nostra nuova vita", hanno detto i migranti a Lucano.
Critico il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ne confronti dell'iniziativa del Viminale: "La deportazione dei migranti da Riace è atto violento e disumano. Chi è stato a Riace sa che il sindaco ha reso vivo e gioioso un luogo desertificato da migrazioni di calabresi. Riace non si tocca! Invece di cacciare i mafiosi deportate le vittime dei trafficanti di morte. Vergogna!".

Roma, 15 ottobre 2018 – Stop al progetto Sprar di Riace: i migranti presenti nel Comune saranno trasferiti altrove: lo fanno sapere fonti del Viminale. Dopo l’arresto del sindaco Mimmo Lucano, finito ai domiciliari con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti, un’altra tegola sul modello di accoglienza Riace. Dal ministero si ricorda che i progetti Sprar vengono rinnovati ogni tre anni: nel caso di Riace si tratta del triennio 2017-2019, ma già dall’estate scorsa il Viminale aveva bloccato alcuni pagamenti per anomalie nella documentazione presentata dall’amministrazione locale. Nel 2018 il comune di Riace non ha ricevuto fondi e “il 30 luglio scorso il sindaco era stato avvisato della revoca dei finanziamenti, diventata ufficiale all’inizio di questa settimana”.

Roma, 15 ottobre 2018 - Sono 50 i migranti sbarcati nel recente fine settimana lungo le coste del sud Sardegna. Tra questi - provenienti dal nord Africa - ci sono anche cinque donne, una delle quali incinta, e una neonata. Il primo sbarco è avvenuto al porto commerciale di Sant'Antioco: 12 algerini sono arrivati a bordo di due barchini. Sul posto i carabinieri e la Guardia costiera. Dopo visite mediche e identificazioni, sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir (Cagliari). I militari della Compagnia di Carbonia durante il consueto controllo del territorio hanno individuato altri 14 algerini sbarcati durante la notte lungo la spiaggia di Porto Pino, nel territorio di Sant'Anna Arresi. Sempre nello stesso Comune, in località Is Pigas, sono stati rintracciati altri 24 migranti.

Roma, 12 ottobre 2018 - La pacificazione del Corno D’Africa contibuirà a stabilizzare i flussi migratori. Lo ha sottolineato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una nota al termine del suo incontro con il presidente eritreo. “Ho voluto testimoniare al Presidente e all’intero popolo eritreo un segnale di attenzione e di soddisfazione per la svolta raggiunta nell’ambito del processo di pacificazione con l’Etiopia dopo un conflitto ventennale che ha causato decine di migliaia di vittime – sottolinea il premier -. La sottoscrizione degli accordi di pace e cooperazione crea le premesse per recuperare risorse fin qui dedicate alla Difesa e alla sicurezza e destinarle allo sviluppo sociale ed economico del Paese”. Secondo Conte infatti “la pacificazione e lo sviluppo dell’intera regione del Corno d’Africa, come ho detto al Presidente eritreo, possono assicurare condizioni di vita migliori alle popolazioni locali e contribuiranno a stabilizzare anche il quadro dei rapporti internazionali, stabilizzando anche i flussi migratori”.

Roma, 15 ottobre 2018 – Il Pd chiede al Governo Conte un intervento che ponga fine alla revoca dell’accesso gratuito alle mense scolastiche pubbliche disposto dal Comune di Lodi per i bambini stranieri non in grado di produrre certificazioni patrimoniali dei lori Stati di provenienza. “Ho solo una domanda: come fa ad addormentarsi sereno un sindaco che caccia bambini da una mensa scolastica? A quale livello di meschinità siete arrivati? Cosa aspetta il Governo - ha domandato via Facebook il segretario del Pd Maurizio Martina – a intervenire? Ministro Bussetti risponda subito alle interrogazioni urgenti del PD e fermi questa vergogna. Subito”. Il Garante per l’Infanzia indaghi su quanto avvenuto nelle mense scolastiche di Lodi” , chiedono inoltre i senatori Pd con una lettera inviata dal vicepresidente del Gruppo, Simona Malpezzi, alla dott. Filomena Albano.

Londra, 12 ottobre 2018 - Giro di vite contro l'antisemitismo del Chelsea di Roman Abramovich. Come riporta il Sun, il club di Londra ha ideato una nuova iniziativa che, nel tempo, potrebbe avere risvolti positivi. È stato deciso, scrive il tabloid, che tutti i tifosi della squadra di Sarri, ritenuti colpevoli di atteggiamenti razzisti fra le mura di Stamford Bridge, potranno essere mandati in visita ad Auschwitz. Il presidente del club, Bruce Buck, ha spiegato che la "punizione fa parte di un progetto più ampio". "Il comportamento dei razzisti - ha sottolineato - non cambia se neghi l'accesso nello stadio, ma se a questi signori fai vedere un campo di concentramento con i loro occhi, allora la prospettiva potrebbe mutare".

Roma, 12 ottobre 2018 – La Commissione immigrazione e politiche per l’integrazione dell’ANCI si è riunita ieri a Roma in seduta straordinaria, alla presenza di Sindaci di Comuni capoluogo di Provincia, Presidenti di ANCI Regionali e amministratori dell’intero territorio nazionale. “Ringraziamo il Presidente della I° Commissione Affari Costituzionali della Camera per essere venuto ad ascoltare le ragioni dei territori e per aver preso impegni precisi rispetto all’intenzione di audire l’Associazione dei Comuni e di prendere in attenta considerazione gli emendamenti proposti dall’Anci” dichiara Irma Melini, Presidente della Commissione Immigrazione di Anci, “accogliamo con soddisfazione la notizia che l’On. Brescia ha fornito alla Commissione, circa la presenza di una discussione aperta in seno alla maggioranza proprio sul dl, che personalmente ritiene perfettibile. Apprezziamo anche l’impegno assunto dal capogruppo di Forza Italia in I° Commissione, l’On. Sisto, in merito all’intenzione di fare propri gli emendamenti dell’ANCI”.
“In Commissione è stata ribadita la preoccupazione dei Comuni in merito agli effetti immediati del DL sui territori” dichiara Matteo Biffoni, Sindaco di Prato e delegato ANCI all’Immigrazione, “solo in tema di assistenza ai soggetti vulnerabili sono stimati in oltre 280 milioni di euro i costi annui che ricadranno sui servizi sociali e sanitari dei Comuni. La preoccupazione è anche quella legata all’inevitabile aumento delle persone in condizioni di irregolarità (più di 50.000 persone nel 2019 secondo alcune stime), che porterebbe ad evidenti problemi di ordine pubblico nelle nostre comunità. Sono problemi che riguardano tutti i Sindaci, al di là del loro colore politico”.

Altri articoli...