Attualità - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia
27
Dom, Maggio

Roma, 14 maggio 2018 - “Se vado al governo voglio fare quello che ho promesso, andare fino in fondo eliminando la legge Fornero, ridurre le accise sulla benzina, sull’immigrazione le posizioni, nel rispetto dei diritti umani, di tutte le leggi e di tutti i Trattati, partono da punti distanti ma io mi rifiuto di pensare a un’altra estate e autunno di sbarchi e di business dell’immigrazione. Se parte il governo la Lega deve avere mano libera per tutelare la sicurezza dei cittadini italiani”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini al termine del colloquio, insieme ai capigruppo Giancarlo Giorgetti e Gian Marco Centinaio, con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Roma, 10 maggio 2018 - La presenza dei 3.714.137 cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia è caratterizzata da una maggiore concentrazione al Nord (62%), seguito dal Centro (24,2%) e dal Mezzogiorno (13,9%). Questo il quadro che emerge dai Rapporti sulla presenza dei cittadini migranti nelle aree metropolitane, curati dalla direzione generale dell’Immigrazione e delle politiche di integrazione -ministero del Lavoro e delle politiche sociali con il supporto di Anpal servizi Spa. Milano e Roma ne accolgono più di un quinto: in queste aree hanno richiesto o rinnovato il permesso di soggiorno, rispettivamente, il 12% e il 9,3% dei cittadini non comunitari. Seguono Torino, Firenze, Napoli e Bologna con percentuali comprese tra il 2,3% e il 3,2%, mentre le altre città metropolitane ne accolgono meno del 2%.

Le diverse aree metropolitane sono spesso caratterizzate dalla presenza di una specifica comunità migrante: ad esempio, a Bari è forte l’incidenza dei cittadini albanesi (un terzo dei non comunitari presenti nell’area metropolitana). La comunità ecuadoriana mostra una presenza significativa a Genova (26,2%), quella srilankese a Messina (24,8%); a Torino è presente una importante componente di cittadini marocchini (23,7%), a Napoli si rileva una forte incidenza della comunità ucraina (23,8%).

Roma, 27 aprile 2018 - "La mia prima parola è apprezzare la complessità del fenomeno della migrazione. Non è una questione semplice. La seconda parola è incontrare i migranti, i rifugiati. Spesso la paura verso la migrazione non è fondata, però la mentalità cambia quando le storie umane aprono i miei occhi alla mia storia e io vedo me stesso negli altri! In questo modo cominciamo a condividere la stessa storia, il viaggio, insieme. La terza parola è memoria. Tutti noi, tutti i Paesi del mondo hanno una storia di migrazione. Mio nonno era un migrante dalla Cina alle Filippine. Tutti noi abbiamo il sangue di un migrante! Non bisogna dimenticare questa storia comune e vedere in ogni migrante un nonno, una nonna. Non sono stranieri: sono miei fratelli e mie sorelle”. Così il cardinale Luis Antonio Tagle, presidente di Caritas Internationalis, in una intervista a Vatican News.

Roma, 24 aprile 2018 -  Un migliaio di emendamenti, una settimana di dibattito infiammato e di polemiche contro Macron. Alla fine l’Assemblea nazionale francese ha adottato in prima lettura il disegno di legge “Asilo e immigrazione” con 228 voti favorevoli, 139 contrari e 24 astenuti. Il voto è arrivato il settimo giorno dopo acceso dibattito e un solo voto contrario del partito LREM (La République En Marche), Jean-Michel Clément, che ha annunciato l’uscita dal gruppo di maggioranza. Gli altri 14 membri dello stesso partito hanno espresso il loro disaccordo sul testo, astenendosi. Il testo è stato difeso con forza dal ministro dell’Interno Gerard Collomb, secondo cui il disegno di legge mira a “un’immigrazione controllata, un diritto di asilo efficace e un’integrazione riuscita”, riducendo da 11 a sei mesi, ricorso compreso, la procedura per la richiesta di asilo. L’obiettivo del governo è facilitare sia l’espulsione di quanti non ottengono l’asilo, sia l’accoglienza di quelli a cui viene invece riconosciuto.

Roma, 7 maggio 2018 – “Chiamate un medico!”, scrive il leader della Lega, Matteo Salvini, su twitter riferendosi alle parole pronunciate dal premier Paolo Gentiloni sui migranti. “L’Italia ha bisogno di migranti – ha detto il presidente del Consiglio durante il suo intervento al Palazzo Ducale di Genova per il Festival di Limes – ma con un flusso sicuro”.

Roma, 26 aprile 2018 - Diciassette persone sono morte nel naufragio al largo del Marocco di un barcone con a bordo 34 migranti subsahariani che tentavano di raggiungere le coste dell'Andalusia, Efe. L'intervento di una nave del Salvamento Marittimo spagnolo ha permesso di trarre in salvo 18 persone, una delle quali però è morta nel trasferimento all'ospedale. Sono stati rinvenuti 4 cadaveri e 12 persone disperse sono considerate morte. Nella stessa zona è state accompagnata in sicurezza fino al porto di Motril un'altra imbarcazione con a bordo 51 migranti.

Roma, 20 aprile 2018 - Nuovo giro di vite delle autorità austriache verso i richiedenti asilo: il governo di destra, formato da popolari (Oevp) ed estrema destra (Fpoe) ha stabilito che i profughi che vorranno chiedere asilo nel Paese dovranno versare 840 euro in contanti e consegnare alle autorità i loro telefoni cellulari. Misure volte a bloccare “l’immigrazione illegale” e a lottare contro gli “abusi” nelle richieste di asilo. In questo modo – secondo quanto spiegato dal cancelliere Sebastian Kurz e dal vicecancelliere Heinz-Christian Strache – i richiedenti asilo potranno dare il proprio contributo ai costi dell’iter burocratico della loro pratica. Inoltre – spiega il quotidiano tedesco Die Welt – verrà loro chiesto di consegnare il cellulare così da consentire alle autorità di stabilire la loro “vera” provenienza e il percorso del loro viaggio per raggiungere l’Austria. Infine tutti i richiedenti che si macchiano di reati saranno immediatamente deportati anche se minorenni, ha spiegato Strache, mentre coloro che, pur riconosciuti come profughi, si recheranno “in vacanza” in patria, perderanno il permesso di soggiorno. L’Austria ha stabilito un limite massimo per le procedure di asilo dal 2016. Quest’anno è stata fissato a 30.000.

Altri articoli...