Attualità - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Milano, 28 marzo 2017 - La giornata di Papa Francesco a Milano "e' stata straordinaria. Sabato mattina c'era un nebbione fitto, quando e' atterrato a Linate si e' schiarito il cielo ed e' arrivato il sole per tutto il giorno. Quando e' decollato per ripartire, e' iniziato a piovere. Ho detto tutto".

Cosi' il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ha ricordato la visita del Pontefice a Milano. "Il Papa - ha osservato - e' un uomo coerente, che ha il coraggio di dire sempre quello che pensa ovunque si trovi, anche se cio' puo' dar fastidio a molti. E' una cosa che io apprezzo molto. Cio' detto, lui fa il Papa mentre noi, piu' modestamente, facciamo un altro mestiere, Dobbiamo prendere decisioni che devono tener conto del pensiero di tutti ma anche della realta' dei fatti". Il riferimento e' "soprattutto al tema dell'immigrazione - chiarisce Maroni - Lui dice cose scomode alle orecchie della classe politica ma io apprezzo la coerenza e il coraggio".

Roma, 27 marzo 2017 - "Un fenomeno epocale come l'immigrazione non e' inseguirlo ma governarlo. Il tema e' l'Africa che sara' sempre di piu' lo specchio dell'Europa, il 90% del flusso che arriva in Italia viene dalla Libia. A chi dice andiamo al governo e risoliamo il problema non credete".

Lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, parlando a Firenze a un'iniziativa sul decreto sicurezza promossa dalla mozione Renzi. "Chi e' piu' efferato: i terroristi di Islamic State o i trafficanti di esseri umani? Non saprei chi scegliere, sono sullo stesso piano", ha osservato Minniti.

Citta' del Vaticano, 27 marzo 2017 - "Non ci si puo' limitare a gestire la grave crisi migratoria di questi anni come fosse solo un problema numerico, economico o di sicurezza. La questione migratoria pone una domanda piu' profonda, che e' anzitutto culturale". Cosi' il Papa ai leader Ue.

"Quale cultura propone l'Europa oggi? La paura che spesso si avverte trova, infatti, nella perdita d'ideali la sua causa piu' radicale. Senza una vera prospettiva ideale si finisce per essere dominati dal timore che l'altro ci strappi dalle abitudini consolidate, ci privi dei confort acquisiti, metta in qualche modo in discussione uno stile di vita fatto troppo spesso solo di benessere materiale. Al contrario, la ricchezza dell'Europa e' sempre stata la sua apertura spirituale e la capacita' di porsi domande fondamentali sul senso dell'esistenza. All'apertura verso il senso dell'eterno e' corrisposta anche un'apertura positiva, anche se non priva di tensioni e di errori, verso il mondo. Il benessere acquisito sembra invece averle tarpato le ali, e fatto abbassare lo sguardo".

L'Europa "ha un patrimonio ideale e spirituale unico al mondo che merita di essere riproposto con passione e rinnovata freschezza e che e' il miglior rimedio contro il vuoto di valori del nostro tempo, fertile terreno per ogni forma di estremismo. Sono questi gli ideali che hanno reso Europa quella 'penisola dell'Asia' che dagli Urali giunge all'Atlantico".

L'Europa, ha avvertito Francesco, "ritrova speranza quando non si chiude nella paura di false sicurezze. Al contrario, la sua storia e' fortemente determinata dall'incontro con altri popoli e culture e la sua identita' 'e', ed e' sempre stata, un'identita' dinamica e multiculturale'", ha sottolineato il Papa citando il proprio discorso al momento in cui le istituzioni europee gli hanno consegnato il premio Carlo Magno. "C'e' interesse nel mondo per il progetto europeo. C'e' stato fin dal primo giorno, con la folla assiepata in piazza del Campidoglio e con i messaggi gratulatori che giunsero da altri Stati. Ancor piu' c'e' oggi, a partire da quei Paesi che chiedono di entrare a far parte dell'Unione, come pure da quegli Stati che ricevono gli aiuti che, con viva generosita', sono loro offerti per far fronte alle conseguenze della poverta', delle malattie e delle guerre. L'apertura al mondo implica la capacita' di 'dialogo come forma di incontro' a tutti i livelli, a cominciare da quello fra gli Stati membri e fra le Istituzioni e i cittadini, fino a quello con i numerosi immigrati che approdano sulle coste dell'Unione".

Roma, 27 marzo 2017 - "Parto da una considerazione di carattere generale sul fatto di aver emanato questa ordinanza. Il discorso lo capisco in linea di principio cioe' la somministrazione di cibo e bevande soprattutto se avviene su larga scala ha indubbiamente dei risvolti igienico-sanitari e quindi comprendo che questa attivita' vada regolamentata. Poi calata invece nella situazione concreta questa ordinanza ha un qualcosa di strumentale cioe' di volere contenere latitudine alla solidarieta' all'accoglienza, al supporto dato a queste persone in estrema difficolta'".

Napoli, 24 marzo 2017 - Avevano trasformato un immobile in un centro di accoglienza per immigrati grazie a un certificato di agibilita' falso. E' accaduto a Calvi, in provincia di Benevento, dove i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip sannita su richiesta della locale procura, nei confronti di sei persone.

Tutti sono indagati per violazioni al testo unico sull'edilizia, mentre alcune anche per frode nelle pubbliche forniture e uso di atto falso. Le indagini sono scattate dopo un'ispezione eseguita dai militari del Comando provinciale di Benevento e del Nas di Salerno nei confronti di alcuni centri di prima accoglienza, alcuni dei quali gia' sequestrati dall'Arma per analoghe ipotesi di reato.

Altri articoli...