Serracchiani: Austria blocchi chi entra in Italia - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Attualità
Trieste, 18 agosto 2017 - “Lo schieramento di 70 soldati austriaci sul Brennero può essere utile, se contribuiranno a limitare il flusso dei migranti illegali dall’Austria verso l’Italia”. Lo ha detto la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, commentando l’annuncio delle autorità austriache, a proposito di un imminente dispiegamento di militari sul confine con l’Italia.

“Sappiamo che la campagna elettorale, in Austria come in Italia, induce ad alzare i toni e – ha sottolineato Serracchiani – a immaginare gesti a effetto, ma l’auspicio è che ci sia prima di tutto il senso di responsabilità a guidare determinate scelte. Questa in particolare non ha alcun effetto pratico e soprattutto è contraddittoria, dal momento che siamo noi, in particolare in Friuli Venezia Giulia, a registrare arrivi di migranti in rientro dai Paesi del nord. Per questo, è importante migliorare sempre di più la collaborazione tra forze dell’ordine sull’area confinaria. Lo dimostra – ha spiegato la presidente – l’operazione dei Carabinieri che l’altra notte hanno fermato quattro immigrati clandestini, portati dall’Austria in Italia da un passeur che si è rivelato un cittadino afgano regolarmente residente in Austria”. “Ci consola sapere che non saranno dispiegati carri armati, la cui funzione e capacità primaria – ha concluso Serracchiani – non pare essere quella di bloccare i migranti o fuggitivi in genere”.