Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

S.O.S. Razzismo
Scandalo a Foggia dove è spuntato il video dell'arresto del migrante gambiano ammanettato alla ruota dell'auto della polizia.
Il 5 ottobre, è stato arrestato il gambiano Omar Jallow, 26 anni, per aggressione a due poliziotti, perlomeno secondo la versione del SAP (Sindacato Autonomo di Polizia), che tuttavia non coinciderebbe con quella dei migranti, come denuncia il comitato Campagne In Lotta: «E' stato trascinato per metri in manette».
Senza entrare nelle ragioni dell’arresto, l’immagine sconcertante è quella dell’arrestato ammanettato alla ruota di una volante della polizia, accovacciato per terra, come una scena degna del famoso telefilm schiavista “Radici” con Kunta Kinte. C’era un amico che cercava di medicargli alla meglio il braccio sanguinante. Accanto a lui, da una parte, poggiato sull'auto, un agente affaticato con la divisa sporca di fango ed intorno a loro, numerosi migranti che urlano: «Lasciatelo stare, non è un animale».
Il fatto che se Omar Jallow abbia sbagliato nei confronti della legge, al pari di chiunque, è giusto che risponda delle sue responsabilità, secondo i dettami della stessa legge. Ma in un paese che si ritiene democratico e civile come l’Italia, è un colpo allo stomaco vedere un essere umano messo pubblicamente alla berlina come una bestia, a rammentare scene di umiliazioni umane del passato, già di per se impossibili da dimenticare, con neri, ebrei, pellerossa… Specie se ad opera di appartenenti ad organi che rappresentano la legge e non dovrebbero calpestare ma anzi difenderne i principi di nobilitazione della persona umana.
Ma ahimè! Questa immagine di un nero ammanettato alla “ruota” dell’auto della polizia, fa tristemente costatare che ancora una volta, l’umiliazione del più debole continua ad andare a… “ruota” libera.

Milton Kwami

Advertisement