Carta di soggiorno, a che servono e dove si chiedono i certificati penali? - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

l'esperto risponde

Voglio presentare la domanda per il permesso Ue soggiornanti di lungo periodo e mi hanno detto che servono casellario giudiziale e carichi pendenti. Perchè? Come posso procurarmeli?

 

5 gennaio 2017 -  Il permesso Ue per soggiornanti di lungo periodo, la cosiddetta carta di soggiorno, non può essere rilasciato a chi è ritenuto pericoloso per l’ordine pubblico o per la sicurezza dello Stato.

Questa valutazione, che dovrà comunque tenere conto  “della durata del soggiorno nel territorio nazionale e dell'inserimento sociale, familiare e lavorativo dello straniero”, viene fatta soprattutto in base a ciò che risulta dal certificato del casellario giudiziale e dal certificato dei carichi pendenti. Entrambi questi documenti dovranno essere allegati alla domanda per il permesso Ue per soggiornanti di lungo periodo. 

Il certificato del casellario giudiziale riporta tutti gli eventuali provvedimenti di condanna definitivi, il certificato dei carichi pendenti riporta invece eventuali procedimenti penali ancora in corso. Entrambi vanno chiesti alla Procura della Repubblica, dal diretto interessato o da persona da lui delegata, e hanno una validità di sei mesi. 

Per ciascun documento bisogna versare € 3,84 per diritti di certificato, € 16 di bollo e, se si chiede il rilascio nella stessa giornata, € 3,84 per diritti di urgenza. Un passaggio obbligato per gli immigrati che vogliono la carta di soggiorno, dal momento che non sono ammesse autocertificazioni. 

Stranieriinitalia.it