L'esperto risponde - Il portale dell'immigrazione e degli immigrati in Italia - Stranieri in Italia

Sono diventata da poco italiana. Vorrei sapere se per questo motivo potrà diventare italiano anche mio marito. Che requisiti deve avere?


23 giugno 2015  – Anche ai coniugi non italiani dei cittadini stranieri diventati italiani si applica l’art. 5 della Legge 91/92, che prevede la possibilità di diventare italiani per matrimonio.

Ciò vuol dire che lo straniero può presentare la richiesta per la cittadinanza, se sono entrambi residenti in Italia, solo dopo 2 anni da quando il coniuge è diventato cittadino italiano nonostante siano sposati anche da più di 2 anni oppure dopo 3 anni se i coniugi sono residenti all’estero. Se invece il matrimonio è avvenuto dopo l’acquisto della cittadinanza italiana, i termini decorrono dal momento della residenza in Italia dopo il matrimonio o dalla data effettiva del matrimonio se sono residenti all’estero. Il termine di 2 o di 3 anni viene ridotto alla metà in presenza di figli nati o adottati dalla coppia.

Per sapere da quando decorre il termine richiesto, bisogna tener presente che lo straniero diventa cittadino italiano effettivamente dal giorno successivo al giuramento al Comune o presso la Rappresentanza diplomatica all’estero.


Ad esempio, nel primo caso, se lo straniero ha fatto il giuramento al Comune per la cittadinanza italiana il 24 novembre 2012, è diventato effettivamente cittadino italiano dal 25 novembre 2012. In questo caso il coniuge straniero può presentare la domanda per la cittadinanza per matrimonio il 25 novembre 2013 nel caso in cui ci siano figli della coppia, siano adottati o naturali, o il 25 novembre del 2014 nel caso in cui non ci siano figli. Nel secondo caso, cioè se la coppia è residente all’estero, la domanda può essere presentata presso la Rappresentanza diplomatica italiana il 25 novembre del 2015 se non ci sono figli o il 25 maggio 2013 se ci sono figli nati o adottati dalla coppia.

Stranieriinitalia.it