in

Cassazione. La convivenza della colf non dimostra il rapporto di lavoro

La convivenza della lavoratrice presso il domicilio del datore di lavoro non è di per sé sufficiente ad affermare anche lo svolgimento di attività lavorativa per tutto il suddetto tempo di convivenza.

Tale principio è stato affermato dalla Corte di Cassazione che, con sentenza 22399/2013, ha rigettato l’appello di una collaboratrice domestica che rivendicava differenze retributive adducendo che avesse lavorato per tutto il periodo della convivenza presso l’abitazione del datore di lavoro.

SCARICA LA SENTENZA

Condividi su:

Staderini: “ll Pd contro il reato di clandestinità? Allora perché ha boicottato il referendum?”

Letta: “L’Italia farà la sua parte, ma questo è un dramma europeo”