in

IMMIGRATI: HERALD TRIBUNE, KYENGE COSTRINGE L’ITALIA AD AFFRONTARE LE DIVERSITA’ =

ADN0499 6 POL 0 DNA POL NAZ

      'LA SUA NOMINA AL GOVERNO INFRANGE UNA BARRIERA RAZZIALE E APRE
UN DIBATTITO NAZIONALE'

      Roma, 21 giu. (Adnkronos) – "L'Italia alle prese con la
diversita'". Questo il titolo dell'articolo sulla prima pagina
dell'International Herald Tribune, corredato da una foto del ministro
dell'Integrazione Cecile Kyenge. La sua presenza nella compagine di
governo "infrange una barriera razziale e apre un dibattito
nazionale", scrive la corrispondente dall'Italia del quotidiano. La
Kyenge era consapevole del suo ruolo di pioniera, "quello che forse
non si aspettava era l'ondata di epiteti razzisti che hanno
accompagnato le sue prime sette settimane al governo". Finora,
prosegue l'Iht, la Kyenge "ha scelto di non rispondere direttamente ai
suoi detrattori", ma piuttosto "ha spostato il discorso per lodare
quanti l'hanno sostenuta, che sono stati molti".

      Se l'obiettivo era quello di aprire una discussione, "allora la
nomina della Kyenge ha gia' avuto successo aprendo un dibattito
nazionale sulla tensione tra la crescente natura multiculturale della
societa' italiana e il razzismo strisciante che per gli italiani e'
sempre piu' difficile ignorare". Nel lungo articolo, l'Iht da' conto
anche delle polemiche sullo ius soli, prendendo ad esempio il caso di
Mario Balotelli, divenuto a tutti gli effetti cittadino italiano
solamente al compimento del 18 anni, e la posizione espressa dalla
Kyenge a favore della cittadinanza per i figli di immigrati nati in
Italia.

      Una posizione subito divenuta un "tema caldo per i parlamentari
populisti ansiosi di sfruttare il tema dell'immigrazione indicandolo
come un fattore della crisi economica che non mostra segni di
miglioramento, con il 40 per cento degli italiani al di sotto dei 25
anni senza lavoro".

      (Mli/Ct/Adnkronos)
21-GIU-13 13:23

Condividi su:

Ho sposato un’ italiana. Quando posso chiedere la cittadinanza?

IMMIGRATI: CISL SICILIA, UE SI OCCUPI DI ENNESIMA EMERGENZA UMANITARIA =