in

IMMIGRATI: IUS SOLI, A BRACCIANO 17 NUOVI CITTADINI ITALIANI =

ADN0702 3 CRO 0 DNA CRO RLA

      Roma, 29 mag. (Adnkronos) – Festa della Repubblica all'insegna
della intercultura e della integrazione domenica 2 giugno a Bracciano.
Diciassette bambini, 7 maschi e 10 femmine, otterranno infatti il
formale riconoscimento di cittadini onorari ius soli.

      Si tratta di bambini nati in Italia, 6 dei quali a Bracciano e 7
a Roma, che frequentano la scuola dell'obbligo e i cui genitori sono
di nazionalita' straniera. La cerimonia si terra' alle ore 10.30
nell'aula consiliare del Comune di Bracciano. I nuovi 'cittadini'
riceveranno dal sindaco di Bracciano, Giuliano Sala uno speciale
attestato e una copia della Costituzione Italiana. Le famiglie che
risiedono a Bracciano provengono da diverse latitudini: Albania,
Marocco, Romania, Serbia, Polonia e Peru'.

      ''Il Comune di Bracciano – dice il sindaco Sala – prosegue nella
continua ricerca delle soluzioni per raggiungere il miglior risultato
dal punto di vista dei diritti della persona''.
 "Quello del 2 giugno e' un appuntamento molto
importante. Sono molto emozionato – commenta il consigliere delegato
alla Partecipazione Mauro Negretti – perche' e' una iniziativa a cui
non solo io ma tutta l'amministrazione tiene particolarmente. Mi
auguro che sia una festa per i bambini e che in maniera trasversale,
al netto di appartenenze politiche, venga recepita tale da tutto il
Consiglio comunale, invitato in blocco alla manifestazione compresa la
gia' consigliera comunale Patrizia Riccioni la quale aveva votato a
favore all'approvazione del regolamento relativo''.

      Soddisfazione viene espressa anche dall'assessore alle Politiche
Sociali del Comune di Bracciano Paola Lucci. ''Sono dei segnali
simbolici – sottolinea Lucci – mirati a sottolineare la necessita' di
guardare la realta' oggi sempre piu' multiculturale. Da Bracciano
vuole partire un appello al legislatore affinche' introduca una
normativa ad hoc che superi le discriminazioni di fatto che persistono
a causa di leggi anacronistiche e non in linea con i cambiamenti
sociali''.

Condividi su:

Bonino: “L’Italia non tema la diversità dell’immigrazione”

Said Chaibi arriva in Comune: “Per cacciare la nebbia leghista”