in

SANITA’ : AMSI, PRIMO AMBULATORIO CIRCONCISIONE A CIVITAVECCHIA =

ADN0566 3 CRO 0 DNA CRO NAZ

      AODI, IN ITALIA 30% INTERVENTI CLANDESTINI E CRESCONO
COMPLICANZE

      Roma, 24 giu (Adnkronos Salute) – Il primo ambulatorio dedicato
alla circoncisione nel Lazio aprira' presto a Civitavecchia. Una
struttura "importantissima, basti pensare che in 3 casi su 10 questi
interventi sono clandestini in Italia, con costi elevati per le
famiglie, e rischi enormi di complicanze", spiega Foad Aodi,
presidente dell'Amsi (Associazione medici stranieri in Italia),
sottolineando che la struttura nascera' all'interno di una convenzione
con l'Asl Rm F per l'attivazione di "ambulatori Amsi multiculturali
internazionali". "E' la prima esperienza di questo genere: la Asl
scegliera' un suo chirurgo e sara' stabilito un ticket equo",
aggiunge.

      L'Amsi, sottolinea Foad, affianchera' l'ambulatorio che avra' il
contributo scientifico della "commissione infanzia Amsi", composta da
pediatri e medici di famiglia di origine straniera ed araba e
coordinata dal medico Khamaisi Abdel Rahim. L'esigenza di creare dei
centri per la circoncisone, spiega lo stesso Khamaisi Abdel Rahim,
"deriva da un desiderio di agire nella piena legalita' all'interno di
strutture controllate e ufficiali, evitando che chi vuole attuare
questa pratica sia costretto, pur essendo nato in Italia, a dover
affrontare la spesa per il viaggio nel paese di origine o debba
affidarsi a strutture private che, per quello che e' un semplice
intervento ambulatoriale arrivano a chiedere da 1.000 fino a 3/4.000
euro. Per questo chiediamo il supporto della Regione Lazio e delle
varie Asl".

      Anche il vice presidente Amsi e presidente della comunita'
siriana Jamal Abo Abbas, pediatra di famiglia, mette l'accento
sull'importanza di aprire un ambulatorio dedicato alla circoncisione
per alleviare le sofferenze e sostenere le famiglie in difficolta'
economica e per tutelare la salute dei bambini eseguendo l'intervento
in strutture sicure promuovendo la loro integrazione in una societa'
multiculturale.

      (Ram/Col/Adnkronos)
24-GIU-13 15:37

Condividi su:

IMMIGRATI: KYENGE, ATTACCHI RAZZISTI RIVOLTI A TUTTI, SERVE RISPOSTA COMUNITA’ =

Cittadinanza. Amara Lakhous: “L’Italia smetta di fare catenaccio”