in

IMMIGRAZIONE: MANTOVANO,DA CLANDESTINI CONDOGLIANZE AD AMATO

(ANSA) – ROMA, 26 GEN – "Amato si amareggia per non aver concluso il suo lavoro sull’immigrazione? Ogni persona di buon senso ringrazia Iddio per questo". Così il senatore Alfredo Mantovano (An), commenta le affermazioni del ministro dell’Interno. "Dal maggio 2006 – ricorda Mantovano – il ‘lavoro’ di Amato é consistito: nel varo di due decreti flussi adoperati come sanatorie di fatto; nella chiusura di tre Cpt e nella ridotta utilizzazione degli altri, con conseguente drastica riduzione delle espulsioni effettive; nell’aver dilatato oltre ogni misura direttive comunitarie in tema di ricongiungimenti e di asilo, rendendo virtuali i controlli in entrata; nell’aver presentato un ‘decreto sicurezza’, dopo l’omicidio di Tor di Quinto, che non è riuscito a far sostenere dalla sua stessa maggioranza; e così via". "Dalla conclusione anzitempo di questo tipo di ‘lavoro’ – secondo il senatore – trarranno respiro gli onesti. Malfattori e clandestini si mettano in fila per porgere le condoglianze all’ex ministro". (ANSA).

Condividi su:

In Italia clandestini al minimo storico

Decreto legislativo 28 gennaio 2008 n. 25