in

Asilo. ELENA, la rete di avvocati e associazioni che aiutano i profughi

Cinquecento operatori sparsi in trentacinque paesi europei, impegnati nella tutela di richiedenti asilo, rifugiati e altre persone bisognose di protezione internazionale. La lista aggiornata

 

Roma – 15 giugno 2016 – Si chiama Elena, è nata nel 1985 e aiuta chi scappa da guerre e persecuzioni.

Lo European Legal Network on Asylum, riunisce centinaia di avvocati, esperti e associazioni sparsi in trentacinque paesi d’Europa. È coordinato dall’ European Council on Refugees and Exiles (Ecre) e i suoi membri “promuovono i più alti standard di diritti umani nel trattamento di rifugiati, richiedenti asilo e altre persone bisognose di protezione internazionale nel loro lavoro quotidiano di assistenza e consulenza legale” 

ELENA studia l’implementazione delle norme sull’asilo, a livello nazionale europeo e internazionale, organizza seminari su argomenti specifici, pubblica ricerche e guide, promuove lo sviluppo di reti nazionali di operatori legali specializzati. Soprattutto, mette in contatto avvocati e associazioni perché collaborino su singoli casi e si scambino informazioni e buone pratiche. 

“Capita spesso di essere chiamati da colleghi di altri paesi europei che stanno assistendo persone passate per l’Italia o che vorrebbero venire in Italia e quindi chiedono informazioni sulle nostre norme. O viceversa” spiega l’avvocato Maria Cristina Romano, del Foro di Milano, che insieme al collega Lorenzo Trucco coordina ELENA in Italia. 

Periodicamente, viene pubblicato l’elenco aggiornato (l’ultimo è di maggio 2016) con nomi e recapiti dei membri della rete, organizzato per Paese, che spiega anche in quali casi viene fornita assistenza legale gratuita. Uno strumento utile anche per i richiedenti asilo che volessero sapere a chi rivolgersi. 

“Non è certo un elenco esaustivo di tutti gli avvocati specializzati in diritto di asilo o delle associazioni che assistono i profughi. Qui ci sono solo i membri della rete ELENA” segnala l’avvocato Romano. Come vengono scelti? “Valutiamo innanzitutto l’esperienza sul campo, e inoltre chiediamo un minimo di referenze, come la presentazione  da parte di un altro membro”.

Scarica l’ ELENA INDEX

 

EP

 

Condividi su:

Terrorismo, dall’Ue azioni più incisive contro la radicalizzazione violenta

Cittadini Ue, assegni familiari solo se hanno il diritto di soggiorno