in

Bonus bebè. Anche nel 2016 l’assegno ai neo genitori, italiani e immigrati

Fino a 160 euro al mese tre anni per ogni bambino nato o adottato. Agli stranieri, però, è richiesta la carta di soggiorno

 

Roma – 5 gennaio 2016 – Nuovo anno, stesso bonus bebè. Anche per il 2016 è confermato il piccolo aiuto dello Stato alle neo mamme e ai neo papà.

Il bonus è riservato alle famiglie con un indicatore della situazione economica equivalente (Isee) inferiore a 25 mila euro  e consiste in un assegno mensile da 80 euro per tre anni a partire dalla nascita o dall’adozione di un bambino. Quando l’Isee non supera i 7 mila euro, l’importo dell’assegno raddoppia: 160 euro. 

Possono chiederlo i genitori italiani, comunitari o extracomunitari. A questi ultimi, però, nonostante le norme europee, è richiesto il permesso Ue per soggiornanti di lungo periodo (la cosiddetta carta di soggiorno) oppure lo status di rifugiati politici o la protezione sussidiaria.  

La domanda va presentata entro 90 giorni dalla nascita o dall’adozione tramite i patronati (presso i quali ci si può anche far compilare l’Isee), tramite  il Contact Center dell’Inps (803164 da fisso o 06164164 da mobile), oppure  online attraverso il sito www.inps.it. 

A chi fa la domanda online serve il PIN rilasciato dall’Inps. Questo il percorso da seguire: www.inps.it  > Accedi ai servizi >Servizi per il cittadino -> Autenticazione con PIN > Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito> Assegno di natalità – Bonus bebè.

Leggi la circolare dell’Inps sul bonus bebè

 

Stranieriinitalia.it

 

Bonus bebè in Italia, acordat si in 2016 pentru parintii italieni si imigranti (Migreat.it)

Bonus bebe. Edhe për 2016-tën çeku për prindërit e rinj, italianë e imigrantë (Shqiptariiitalise.com)

 

Bonus Bebè, kumpirmado ngayong 2016 (Migreat.it)

Condividi su:

Italia pronta a reintrodurre i controlli alla frontiera con la Slovenia

400 euro alle famiglie che ospitano profughi. La scelta di Milano