in

Bonus cultura, da settembre i 500 euro per i diciottenni italiani e stranieri

Il “regalo” di compleanno per chi è residente in Italia e diventa o è diventato maggiorenne nel 2016. Si farà tutto attraverso un’app

 

Roma – 23 agosto 2016 – Il regalo per molti è in ritardo, ma alla fine  arriva. Dal 15 settembre i diciottenni riceveranno dallo Stato 500 euro da spendere in libri, cinema, teatri, musei, concerti e quant’altro possa nutrire lo spirito di chi si affaccia all’età adulta. 

Inizialmente, il governo aveva tagliato fuori i figli degli immigrati, inserendo tra i requisiti la cittadinanza italiana. Una discriminazione poi sanata con un emendamento che ha esteso  il bonus cultura a tutti i ragazzi e le ragazze residenti in Italia che diventano maggiorenni nel 2016, “in possesso, ove previsto, di permesso di soggiorno in corso di validità”. Una platea di oltre mezzo milione di beneficiari. 

Il bonus è decisamente tecnologico. Chi compie o ha compiuto quest’anno diciotto anni dovrà innanzitutto iscriversi dal sistema pubblico di identità digitale (Spid), quindi scaricare sullo smartphone, il tablet o il pc l’applicazion 18app, che, una volta inserite le sue credenziali, gli permetterà di gestire un credito da 500 euro. 

Quei soldi andranno spesi in consumi culturali entro il 31 dicembre 2017. Permetteranno di fare acquisti sia online che di persona (attraverso la app si potranno generare dei voucher) nelle strutture e nei negozi convenzionati, la cui lista verrà pubblicata su un sito internet gestito dal governo. Per altri particolari bisognerà attendere metà settembre quando saranno disponibili sito e app. 

Secondo il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini, che ha gestito tutto il dossier del bonu cultura, “18app manda un messaggio preciso: quello di una comunità che ti accoglie nella maggiore età ricordandoti quanto siano cruciali i consumi culturali, per il tuo arricchimento personale e per irrobustire il tessuto civile di tutto il Paese”. 

EP

 

Condividi su:

Il Papa: “Tratta, lavoro forzato e prostituzione crimini contro l’umanità”

Scuola, 1 milione di euro per insegnare l’italiano agli alunni stranieri