in

Centri antiviolenza, il 27% dei casi riguarda donne straniere

Roma, 29 ottobre 2019 – Ai Centri antiviolenza nel 2017 si sono rivolte 43.467 donne (15,5 ogni 10mila donne); il 67,2% ha iniziato un percorso di uscita dalla violenza (10,7 ogni 10mila).

Tra le donne che hanno iniziato questo percorso, il 63,7% ha figli, minorenni nel 72,8% dei casi. Le donne straniere costituiscono il 27% di quelle prese in carico.

E’ quanto afferma l’Istat che con il Dipartimento per le Pari Opportunità (DPO), il CNR e le Regioni, ha condotto la prima indagine sui 281 Centri antiviolenza (CAV) che svolgono attività a sostegno delle donne maltrattate e dei loro figli.

Condividi su:

La nave Ocean Viking da dieci giorni in attesa di un porto sicuro con 104 migranti a bordo

Rossi (Toscana): ‘Governo chiarisca sui decreti sicurezza’