in

Ebola. Frontex: “Sospesi i rimpatri in Nigeria”

La scelta dell’ Agenzia Ue delle Frontiere per evitare contagi. Ma gestisce solo una piccolissima parte dei rimpatri, agli altri pensano i singoli Stati dell’Ue

Roma – 19 agosto 2014 – Stop i rimpatri dei migranti irregolari in Nigeria, per evitare che si espongano al contagio del virus dell’Ebola.

È la scelta di Frontex, l’Agenzia delle Frontiere dell’Unione Europea. “Abbiamo deciso di sospendere a tempo indeterminato i voli che noi coordiniamo” verso il Paese dell’Africa occidentale, ha annunciato ieri a Varsavia la portavoce Ewa Moncure.

SI tratta, per ora, di una goccia nel mare, dal momento che Frontez coordina e cofinanzia appena il 2% dei rimpatri, tutti gli altri se li sobbarcano i singoli Stati dell’Ue.

“Alcuni paesi, come l’Austria, hanno preso una decisione simile” ha spiegato Moncure. Non si hanno però notizie di decisioni simili prese dal governo italiano.

L’epidemia di Ebola, la peggiore dalla scoperta del virus nel 1976, ha già fatto oltre mille vittime.
 

Condividi su:

Calcio. Tavecchio elimina la discriminazione territoriale

Idoneità alloggiativa a 500 euro? Il giudice cancella la supertassa