in

“Eurobond per finanziare gestione delle frontiere e prima accoglienza” 

Li propone il governo nel “Documento italiano per l’Europa”. “La libera circolazione è una conquista, dalla reintroduzione dei controlli interni danni incalcolabili”

Roma – 23 febbraio 2016 – Eurobond, cioè obbligazioni emesse e garantite dall’Unione Europea, per finanziare la gestione delle frontiere esterne. Un modo per dividere il carico tra tutti gli Stati membri e reperire risorse indispensabili per governare a livello europeo l’emergenza profughi. 

È una delle proposte presentate ieri dal governo nel cosiddetto “Documento italiano per l’Europa”. Palazzo Chigi e Ministero dell’Economia hanno preparato una  “Proposta strategica dell’Italia per il futuro dell’Unione Europea: crescita, lavoro e stabilità”, che parla anche delle “nuove sfide strutturali rappresentate dal flusso di migranti e richiedenti asilo”. 

Quelle sfide, ribadisce il documento, hanno bisogno di una “risposta comune europea” che non passa per la costruzione di muri. Il trattato di Schengen, quindi la libera circolazione, è una delle “maggiori conquiste dell’integrazione europea e deve essere preservato e rafforzato”, e ogni rafforzamento dei controlli alle frontiere interne danneggia la libertà di movimento dei lavoratori e dei beni, “con conseguenze negative dall’impatto imprevedibili”. 

Il governo italiano chiede invece un “politica sui rifugiati a lungo termine”, che divida la responsabilità del controllo delle frontiere esterne tra l’Ue e i paesi membri  di frontiera, come l’Italia. “Risorse umane e finanziarie dell’Ue dovrebbero completare gli interventi nazionali per i soccorsi, l’amministrazione dei punti di crisi (hospot) e la prima integrazione dei rifugiati che raggiungono la frontiera europea”. 

Nel documento si delinea una soluzione “win win”, dalla quale tutti guadagnerebbero. Si tratta di “bilanciare i costi a breve termine per finanziare la nuova politica con i benefici a lungo termine derivanti da un processo di transizione e integrazione più ordinato”.  Per fare tutto ciò servono però “differenti fonti di finanziamento”. E questo giustificherebbe, suggerisce il governo italiano, “il ricorso a meccanismi di finanziamento mutualistici che potrebbero comprendere l’emissione di bond comuni”.

Scarica 

Documento italiano per l’Europa,  A Shared European Policy Strategy for Growth, Jobs, and Stability

EP

 

Condividi su:

Renzi: “Ai leader Ue il dvd di Fuocoammare, poi parliamo di immigrazione”

Carta di soggiorno revocata ai disoccupati. Per il Viminale il caso è chiuso