in

Falak e i suoi sono salvi in Italia, corridoio umanitario per i profughi

Stamattina è sbarcata a Fiumicino la prima famiglia coinvolta nel progetto di Sant’Egidio, Evangelici e Valdesi. Visti umanitari come alternativa ai barconi della morte

 

 

Roma – 4 febbraio 2016  – Fuggire dagli orrori della guerra  e trovare protezione in Italia, senza dover salire su un barcone. A dimostrare che è possibile sono oggi  i sorrisi della piccola Falak, del fratellino Houssein, di mamma Yasmine e di papà Suliman, famiglia di profughi siriani arrivata nel nostro Paese attraverso un corridoio umanitario. 

Ad aprirlo è stato un accordo firmato lo scorso dicembre con i Ministeri degli Esteri e dell’Interno da Comunità di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese. Prevede la concessione di mille visti umanitari per profughi che appartengono a categorie vulnerabili (come Falak, che è malata e bisognosa di cure) , individuati in Libano, Egitto, Etiopia e Marocco.

Le spese di viaggio e di accoglienza sono a carico della organizzazioni che hanno promosso il progetto e sono finanziate anche attraverso l’8 per mille.  Chi arriva non verrà lasciato solo, ma inserito in percorsi di integrazione, a cominciare dall’apprendimento della lingua italiana. 

La famiglia Al Hourani è originaria di Homs, città rasa al suolo, uno dei simboli della tragedia siriana. Due anni fa è fuggita in Libano, stamattina  è sbarcata all’aeroporto di Fiumicino. “La porta è finalmente aperta. Ora si apre la strada anche a tutte le altre famiglie, che già stanno facendo il loro riconoscimento e fornendo le impronte digitali in Libano” commenta il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo.

 

Condividi su:

Riforma cittadinanza. Chiusa la discussione generale, il testo ora può cambiare

Lazio – Napoli. Curva nord e Distinti chiusi per i cori razzisti contro Koulibaly