in

Frattini: “Invio di disperati sui barconi è un crimine contro l’umanità”

“Dovrebbe essere esaminato dalla Corte Penale Internazionale”

Roma, 16 maggio 2011 – “Mandare gente disperata a morire sui barconi e’ un crimine contro l’umanita’ che dovrebbe essere esaminato dalla Corte Penale Internazionale”.

A dichiararlo e’ stato il ministro degli Esteri Franco Frattini, intervenuto questo mattina su Canale 5 a ‘La telefonata’ di Maurizio Belpietro.

“Tutte queste azioni di mettere dei poveri disperati su barconi mandandoli a morire, come spesso accaduto – ha affermato – credo debbano essere esaminati dalla Corte penale internazionale. Mi chiedo se non siano anche essi un crimine contro l’umanita’, perche’ quando si mettono 500 persone su una barca che sta per affondare e affonda dopo poche miglia certamente e’ un crimine grave”.

Condividi su:

IMMIGRATI: 30 NUOVI ARRIVI IN TOSCANA, ANCHE DUE BAMBINI E UN NEONATO

Di Giovan Paolo (Pd): “Ok a Bagnasco, sì a politica lungo periodo su immigrati”