in

Gasparri: “È invasione, interrompere le operazioni di soccorso”

L’esponente di Forza Italia “Undicimila clandestini in due giorni. Fino a quando Renzi darà una mano agli scafisti? Non sono operazioni umanitarie”

 

 

Roma – 6 ottobre 2016 – “Nel silenzio e nell’indifferenza complice del governo, negli ultimi due giorni sono sbarcati in Italia undicimila clandestini. Cifre da capogiro che se sommate a tutti gli immigrati gia’ arrivati nel nostro paese nell’ultimo anno e mezzo ci mettono davanti a un solo dato: siamo di fronte a un’invasione di Stato. Renzi se ne frega di quanto accade”.

Lo dichiara il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri.

“Non ci sono piu’ soldi. Il Viminale ha accumulato debiti incredibili. Fino a quando possiamo andare avanti cosi’? Fino a quando Renzi intende dare una mano agli scafisti, gli stessi che secondo il ministro della Giustizia sarebbero legati anche all’Isis, andando a soccorrere sotto le coste della Libia i barconi carichi all’inverosimile?” chiede l’esponente di Forza Italia.

“Le tragedie del Mediterraneo – conclude Gasparri – non hanno insegnato nulla. Le centinaia di morti in mare non hanno fermato la scellerata politica delle porte aperte. È una vergogna che va avanti da mesi e che vede il governo Renzi principale responsabile. E’ ora di dire basta. Il Parlamento deve occuparsi con immediatezza di quanto accade. Vanno interrotte tutte le operazioni che di umanitario non hanno piu’ nulla ma che servono solo ad incrementare gli affari dei trafficanti”. 

Condividi su:

Terremoto, la comunità pakistana raccoglie fondi per Amatrice

Italiani, popolo di migranti: quasi 5 milioni all’estero