in

Giorgia Meloni sindaco? Penalizzerebbe gli immigrati: “Prima i romani”

L’aspirante prima cittadinanza vorrebbe distribuire servizi sociali “dando la priorità sull’anzianità di residenza”. “Sarebbe il mio provvedimento più rock”

Roma – 17 marzo 2016 – Giorgia Meloni inizia la sua corsa al Campidoglio con una dichiarazione programmatica contro gli immigrati.

Se lei sarà sindaco, i 360 mila stranieri a Roma rischiano infatti di dover dare la precedenza ai romani “doc” e di finire in fondo alle graduatorie per l’accesso ad asili nido, case popolari, aiuti economici e altri servizi sociali. 

Lo ha chiarito ieri l’aspirante prima cittadina subito dopo aver annunciato la sua discesa in campo e cantato “Viva la Mamma” ai microfoni di Radio Rock. “Il provvedimento più rock se fossi eletta sindaco a Roma? Potrebbe essere quello di distribuire servizi sociali dando la priorità sull’anzianità di residenza” ha spiegato all’intervistatore. Per oi aggiungere, tra gli applausi dei fan, “Prima i romani”. 

Per “romani” Meloni non sembra quindi intendere le persone che vivono a Roma, regolarmente iscritte all’anagrafe. Per lei ci vuole qualcosa di più, un diritto che arriva dopo  anni (per fortuna non di generazioni…) e che gli immigrati, per essenza e per necessità più mobili degli italiani, faranno sicuramente più fatica a conquistare. 

Una novità? Forse solo queste latitudini, visto che i leghisti, nelle Regioni e nei comuni che amministrano, hanno provato più volte a fare questo tipo di discriminazione. Salvo poi essere spesso fermati dai giudici: la legge e la costituzione dicono infatti che le prestazioni sociali vanno distribuito in base al bisogno (sei povero? non hai una casa? hai tanti figli? Ecc.), non in base all’anzianità di residenza. 

Stranieriinitalia.it

 

Condividi su:

Festa dei libri del Subcontinente Indiano (Roma, 18 marzo 2016)

Idoneità alloggiativa. Come si decide se una casa va bene?