in

Ius soli: ‘Anche sinistra responsabile di non essere andati a fondo’

Milano, 26 marzo 2019 – “In tanti ci vogliono mettere il cappello. Tanti mi hanno invitato a dare la cittadinanza a Ramy, ma non è questo il tema. È un ragazzo straordinario, ma sarebbe una strumentalizzazione. Invece parliamo di un tema che è di tantissimi ragazzi”.

Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a proposito del dibattito sullo ius soli e sull’ipotesi di concessione della cittadinanza a Ramy, il ragazzino protagonista positivo del dirittamento del bus del 20 marzo da Crema a San Donato. “Vediamo quando e come ci saranno le condizioni, ma è chiaro che sta anche nelle responsabilita della sinistra non essere andati a fondo nel riconoscimento di un diritto”, ha aggiunto, a margine di una visita all’archivio storico del Policlinico.

“Questa è la sua idea, io ritengo giusto che il Parlamento avvii il dibattito meglio se non dopo un fatto emozionale come questo che va portato alla dimensione sua. Non bisogna mettere insieme le due cose. Ribadisco la mia posizione: lo ius soli è un tema da affrontare. Do per scontato che il ministro Salvini non la veda così. Mi pare una questione importante”, ha concluso, riferendosi al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e alla volontà di quest’ultimo di non cambiare la legge sulla cittadinanza.

Condividi su:

Il sindaco di Milano: ‘Salvini sfugge al dibattito sullo ius soli’

Lampedesa, sbarcati nuovi migranti