in

Kyenge: “La Lega Nord è razzista, vuole la guerra tra persone”

L'europarlamentare ed ex ministra dell'Integrazione: "Sono dieci anni che il Carroccio semina paura. Triton? Non basta, serve una soluzione politica europea"

Roma – 4 novembre 2014 – "La Lega Nord è razzista. Basta ascoltare tutti i comizi che la Lega continua a fare. Sono veri e propri comizi che sono un inno alla paura".  Lo ha detto ieri Cecile Kyenge, europarlamentare del Pd ed ex ministro dell'Integrazione, ai microfoni di Radio 24. "Sono ormai una decina di anni – ha aggiunto – che la Lega continua a trasmettere   paura e a provocare la guerra fra le persone".

Ospite della trasmissione anche Aurora Lussana, direttore del quotidiano leghista La Padania: "Il sigillo del razzismo – ha risposto – è veramente un'infamia alla quale io rispondo dicendo che il razzismo fu una teoria scientifica e politica utilizzata dai colonizzatori. La Lega è un movimento identitario che salvaguarda tutti i popoli, tutti i nativi, di tutti i territori. Quindi noi ci opponiamo a qualunque forma di colonialismo che utilizzava il razzismo come legittimazione".

Cecile Kyenge ha bocciato anche la scelta del premier britannico David Cameron di non aderire a "Triton". "Sbaglia perché si sta lavando le mani, togliendosi da una discussione che è attuale su cui lui è chiamato a dare una soluzione".

"E' chiaro – ha proseguito l'eurodeutata  – che la soluzione non può essere interamente Triton perché, per quanto riguarda la mia visione, è l'ennesima soluzione fatta sull'emergenza mentre oggi noi abbiamo bisogno di una soluzione politica, quindi oltre che a fare questa dichiarazione, Cameron è chiamato a poter lavorare con tutti i Paesi e gli Stati membri per trovare una soluzione degna della nostra Europa".

Condividi su:

Immigrazione sempre più stanziale. Non si entra per lavoro, ma per motivi familiari

Fondi maternità. Norma anti-immigrate in Lombardia: almeno 2 anni di residenza