in

L’incontro. ‘Non lasciare sola l’Italia nella gestione dei flussi’

Roma, 13 dicembre 2018 – Il presidente Sergio Mattarella, nel corso della colazione al Quirinale con il premier Conte e diversi ministri, parlando della trattativa del governo con la Commissione europea, ha auspicato – si è appreso – che si possa trovare un accordo, perchè la procedura d’infrazione rischia di creare problemi pesanti all’economia del Paese.
L’auspicio di Mattarella è stato condiviso dai presenti. Si è anche parlato di bilancio Ue con un allarme su alcune proposte di riforma dei meccanismi che potrebbero danneggiare in futuro l’Italia.
Alla colazione del Quirinale erano presenti, oltre al presidente Mattarella e al premier Giuseppe Conte, i ministri Di Maio, Tria, Trenta, Savona e Moavero e il sottosegretario Giorgetti.
Tra gli altri temi affrontati, secondo quanto si è appreso, c’è stato quello dell’immigrazione in generale, del ruolo dell’Italia nel Mediterraneo e la missione Sophia.
Tutti i partecipanti alla colazione di lavoro sono stati concordi sulla necessità che sia l’Unione europea nel suo complesso a farsi carico del problema dei migranti senza lasciare sola l’Italia nella gestione dei flussi.

Condividi su:

Open Arms: attività Ong continuamente criminalizzata

Stati Uniti. Morta in custodia bimba migrante guatemalteca di sette anni