in

Lavoratori stagionali. Ecco come si preparano le domande per i flussi 2015

Si fa tutto via internet attraverso il sito del ministero dell’Interno. Guida illustrata passo dopo passo

+++AGGIORNAMENTO+++
 

Flussi. Via alle domande per i lavoratori stagionali. Ecco come si fa

+++

 

Roma – 5 maggio 2015 – Da oggi i datori di lavoro possono preparare le domande per far arrivare in Italia e assumere 13 mila lavoratori stagionali extracomunitari. Per spedirle dovranno però aspettare la pubblicazione del decreto flussi, prevista per i prossimi giorni. 
 
La procedura è tutta via internet, attraverso il sito del ministero dell’Intero. È piuttosto semplice, ma si può chiedere aiuto alle associazioni di categoria. Per chi ha scelto di fare da solo, la guida illustrata con tutti i passaggi preparata da Stranieriinitalia.it: 
 
1) Collegati a https://nullaostalavoro.dlci.interno.it. Se sei già registrato vai al punto 4, altrimenti registrati:
 
 
 
 
2) Inserisci i tuoi dati nel modulo di registrazione, inserisci i 5 caratteri di controllo e clicca su invia:
 

 

 

3) Il sistema ti invierà una mail con le istruzioni per portare a termine la registrazione:
 

 

 

4) Collegati a nullaostalavoro.dlci.interno.it, inserisci la tua mail e la tua password e clicca su “invia”:
 

 

 

5) Una volta entrato nel sistema, clicca in alto a sinistra su “richiesta moduli”:
 

 

 

6) Cerca “Decreto flussi stagionali 2015” e clicca su “Richiesta di nulla osta al lavoro subordinato stagionale – Modulo C”:

 

 

 
7) Ora sei nella prima schermata del modulo. Clicca su “Avanti” per iniziare a compilarlo:
 

 

 

8) Dovrai inserire dati della ditta che assumerà il lavoratore stagionale… : 
 

 

 

9) i dati del datore di lavoro/legale rappresentante… :
 

 

 

10) …e i dati del lavoratore:
 

 

 

11) Indica se chiedi un nulla osta di tipo pluriennale (solo per lavoratori che sono già entrati in Italia per almeno due anni consecutivi) o non pluriennale (tutti gli altri) e se in precedenza hai già assunto quel lavoratore:
 

 

 

12) Compila la proposta di contratto con periodo di lavoro, il contratto collettivo applicato, il livello e le mansioni del lavoratore:
 

 

 

13) Indica dove lavorerà…:
 

 

 

14) …e dove alloggerà, indicando se l’affitto è a carico del datore di lavoro e se quindi verrà trattenuto dallo stipendio:
 

 

 

15) Impegnati a pagare il rimpatrio del lavoratore in caso di espulsione e a comunicare le variazioni del rapporto di lavoro:
 

 

 

16) Specifica quanti sono i dipendenti e qual è il fatturato dell’azienda (servirà a valutare se sei in grado di assumere il lavoratore):
 

 

 

17) Inserisci il numero di una marca da bollo telematica da 16 euro acquistata per presentare la domanda, conferma la veridicità di quello che hai scritto e clicca su “salva”.  
 

 

 

18) Apparirà sullo schermo un messaggio di conferma
 

 

 

19) A questo punto la tua domanda è salvata nel sistema, ma potrà essere inviata solo dopo la pubblicazione del decreto flussi in Gazzetta Ufficiale. Per modificarla (o per inviarla quando sarà possibile), entra nel sistema (vedi punto 4) e clicca su “Domande”:
 

 

 

20) Apparirà una lista con le domande che hai preparato…
 

21) …per modificare una domanda clicca sull’icona che rappresenta una matita su un foglio.
 

FINE
 
Stranieriinitalia.it
 

 

Condividi su:

Alessia, la promessa del taekwando che l’Italia non può portare alle Olimpiadi

Col permesso unico per lavoro posso vivere e lavorare anche in altri Paesi dell’Ue?