in

Malta, alcuni Paesi dell’Ue pronti ad ospitare migranti dopo apertura porti

Roma, 8 gennaio 2019 – C’è grande attesa a Bruxelles per il Consiglio dei ministri degli Affari generali Ue: sul tavolo certamente la questione migranti, con le navi delle ong Sea Watch e Sea Eye in emergenza al largo di Malta. Intanto, una decina di Paesi, tra questi Italia, Germania, Francia, Portogallo, Lussemburgo, Olanda e Romania, si sono offerti di ricevere i migranti se Malta aprirà i suoi porti per lo sbarco. Il governo maltese chiede, però, che oltre alle 49 persone a bordo delle due navi delle Ong, siano ridistribuiti anche altri 249 profughi salvati nei giorni scorsi dai suoi guardacoste. I posti messi a disposizione dal gruppo di Paesi pronti ad accogliere sono superiori ai 49 necessari per la ridistribuzione di coloro che sono a bordo della Sea Watch e della Sea Eye, ma tuttavia non arrivano a coprire tutti i 298 trasferimenti complessivi richiesti da La Valletta.

Condividi su:

Money transfer, dal primo gennaio in vigore la nuova tassa

Sea Watch e Sea Eye, negare lo sbarco ai 49 migranti è un atto di crudeltà. Aprite i porti!