in

Migranti, il piano di Moavero per gestire i flussi: filtri sui visti e porti franchi

Roma, 15 luglio 2019 – Nel piano dell’Italia per gestire i flussi migratori a livello europeo ci sono filtri sui visti e porti franchi. Lo ha spiegato al Corriere della Sera il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi annunciando il progetto che verrà presentato a Bruxelles.

“Il primo livello è fare di più prima che le persone inizino a migrare. Occorrono investimenti maggiori, con finanziamenti sufficienti, nei Paesi dai quali si parte: progetti mirati a rafforzare il tessuto sociale o mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Le risorse necessarie sono ingenti e proprio per questo il tema deve entrare nei negoziati sul Quadro finanziario europeo 2021-2027. Per raccoglierle, si può pensare anche all’emissione di appositi titoli europei di debito”.

“Quei migranti che legittimamente chiedono asilo” devono poterlo fare “in luoghi il più possibile vicini a quelli che sono costretti a lasciare. Per esempio, un rifugiato da un paese in guerra dovrebbe poter far esaminare la sua domanda di asilo presso un ufficio europeo nel più vicino Stato in pace, prima di affrontare un viaggio lungo e sempre drammatico. E se l’asilo viene riconosciuto, il rifugiato dovrebbe viaggiare verso l’Europa attraverso corridoi umanitari senza dover pagare i trafficanti. L’Ue deve garantire trasporti normali, voli charter come ne sono stati fatti anche di recente verso l’Italia per persone di cui si sapeva già che avevano diritto all’asilo. Chi ha diritto all’asilo deve poter viaggiare in condizioni degne, non in mano a criminali”.

“Per la ripartizione ci vuole un metodo con criteri oggettivi e chiari. Inoltre, gli uffici europei per la valutazione delle domande di asilo, se funzionano bene, potrebbero anche vagliare domande di lavoro fatte da chi emigra per ragioni economiche o a causa dei radicali mutamenti climatici. Se trovassero offerte di lavoro in qualche Paese europeo, anche queste persone potrebbero cosi viaggiare al sicuro”, ha spiegato.

Condividi su:

Napoli. Carola Rackete premiata a settembre per il suo impegno nel salvare vite umane

Migranti. Mogherini (Ue): ‘Paesi diano soldi per la gestione dei progetti’