in

Migranti. Sea Watch, Salvini indagato per diffamazione di Carola Rackete

Roma, 5 settembre 2019 – L’ex ministro dell’interno Matteo Salvini è indagato per diffamazione dopo la denuncia presentata a luglio da Carola Rackete, comandante della Sea Watch3. Nelle scorse settimane la Procura di Roma ha proceduto all’iscrizione e ha inviato gli atti a Milano, dove Salvini ha la sua residenza, per competenza territoriale.

Nella denuncia, in cui tra l’altro si chiedeva il sequestro degli account social di Matteo Salvini, erano riportati alcuni post dell’ex ministro e alcuni commenti di utenti contro Rackete in relazione alle polemiche legate allo sbarco di alcuni migranti avvenuto a giugno a Lampedusa.

Condividi su:

Una ‘sanatoria’ nella nuova legge sull’immigrazione? Per ora nessuna novità, ma se ne parlerà nei prossimi Consigli dei Ministri

Il nuovo Governo impugna legge Friuli Venezia Giulia: norme migranti discriminatorie