in

Minniti: ‘Salvini non rispetta i principi di sicurezza e di umanità’

Roma, 30 novembre 2018 – “Io ho due grandi crucci per la fine della legislatura: lo Ius Soli e l’apertura dei canali legali all’immigrazione. Le migrazioni non possono esser cancellate, chi dice il contrario dice una bugia. L’unica cosa che si può fare è governare i flussi migratori, ed è quello che abbiamo cercato di fare”. Lo ha detto a Un Giorno da Pecora su Rai Radio1, Marco Minniti, candidato alla segreteria del Pd.
“I centri d’accoglienza, di detenzione, c’erano da 20 anni in Libia, quello che è avvenuto negli ultimi mesi è che le Nazioni Unite stanno operando in Libia mentre prima se ne occupavano da Tunisi”. Pensa di aver risolto il problema? “Se qualcuno mi dice ‘hai risolto totalmente il problema’, la mia risposta è no, bisogna fare di più. Se qualcuno mi dice ‘abbiamo fatto dei passi in avanti’, allora dico sì”.
Salvini sta portando a termine quello che lei aveva iniziato? “No, non è assolutamente così”. Il decreto Sicurezza di Salvini rispetta i principi di sicurezza e di umanità? “No Salvini ha messo in contrapposizione sicurezza ed umanità”. Il Global Compact secondo lei va firmato? “Assolutamente sì”. Anche Conte sembrava esser d’accordo. “Si, poi ad un certo punto capiremo che questo Paese ha bisogno di un capo del governo…”.

Condividi su:

Anpi: ‘Col decreto sicurezza Italia entra nell’incubo dell’apartheid giuridico’

Calabria, migrante muore in un incendio in un campo profughi