in

Ogongo (Cara Italia): ‘Serve una regolarizzazione dei migranti che lavorano in nero, aiuterebbe le casse dello Stato e la dignità di tutti”

Roma, 6 settembre 2019 – “La prima richiesta che vorrei presentare al nuovo Governo a nome di Cara Italia è quella di adottare una misura che possa permettere a tutti gli immigrati che attualmente vivono e lavorano in modo irregolare in Italia di regolarizzare la loro posizione”.

Questo è quanto chiede Stephen Ogongo, Coordinatore di Cara Italia, movimento nato on line per combattere il razzismo e per favorire le politiche degli stranieri che vivono in Italia riguardo la nascita del nuovo esecutivo a guida M5S e PD.

“Sarebbe una vera salvezza per chi sogna di avere il permesso di soggiorno – spiega Ogongo. Vivere da irregolare è un incubo. Visto che queste persone hanno già il lavoro, perché non permettere loro di regolarizzare la propria posizione in modo da acquisire diritti, avere la tranquillità del vivere e pagare tasse e contributi. Chiedo al governo di permettere a queste persone di uscire dal lavoro sommerso”.

“Fatelo per permettere a queste persone di vivere una vita dignitosa – prosegue l’attivista. Vi prego, fatelo per salvarle dalla paura, dall’incertezza e dallo sfruttamento”. Faccio mie le parole che una signora mi ha inviato in un messaggio questa mattina: ‘Voglio pagare anch’io le tasse, vi supplico'”.

La regolarizzazione degli immigrati irregolari – conclude Ogongo – conviene agli stessi immigrati e alle casse dello Stato (tasse, contributi, marche da bollo, costo della pratica di richiesta di permesso di soggiorno, ecc.). L’integrazione stessa diventa veramente difficile senza permettere alle persone di vivere e lavorare nel Paese in maniera legale”.

Condividi su:

Nuovo Governo. Di Maio: ‘Migranti priorità della politica estera’

Norme sull’immigrazione. Fedriga (Lega): ‘Ci presenteremo di fronte alla Consulta’