in

Palermo. Tutti assolti per il naufragio del 2015 dove morirono 56 migranti

Palermo, 27 febbraio 2019 – La Corte d’assise di Palermo ha assolto 7 migranti accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e omicidio plurimo per il naufragio dell’agosto del 2015 in cui persero la vita 56 persone.

I superstiti vennero salvati dalla nave svedese Poseidon e portati a Palermo. Dopo gli sbarchi i sette imputati vennero arrestati perché ritenuti gli scafisti dell’imbarcazione e responsabili della morte dei profughi, costretti a fare la traversata del Canale di Sicilia chiusi nella stiva. Alle vittime sarebbe stato impedito a bastonate di risalire in coperta. Alcune sarebbero morte per le percosse, altre soffocate.

I pm Annamaria Picozzi e Geri Ferrara avevano chiesto l’ergastolo per 5 dei 7 imputati. Per i giudici, che hanno ordinato la scarcerazione dei migranti sotto processo, mancherebbe la prova che fossero stati loro alla guida della barca. I testimoni superstiti che li accusarono non sarebbero totalmente attendibi

Condividi su:

Migranti, nel 2018 sono stati 3.536 i minori soli arrivati via mare in Italia

Bari, immigrata aggredita da sei donne e insultata