in

Profughi. Alfano: “La relocation funzionerà, Europa responsabile e solidale”

“Tendiamo la mano a chi rischia di morire e scappa da guerre e persecuzioni e riportiamo indietro chi non ha diritto a restare”

 

Roma – 3 novembre 2015 – L’Ue che si divide il peso dei profughi? Il ministero dell’interno Angelino Alfano ci crede. Nonostante finora solo 90 richiedenti asilo, sui 40 mila promessi, siano stati trasferiti dall’Italia in altri Paesi Europei.

“Siamo solo all’inizio. Il piano di ricollocamento dei migranti in Europa funziona e funzionerà ancora meglio, aprendo crepe nel ‘muro’ del regolamento di Dublino, prima considerato intoccabile” dice ogi Alofano in un’intervista ad Avvenire. 

“La relocation dei richiedenti asilo – sostiene il ministro – rappresenta il simbolo della vittoria di un Europa che è al contempo solidale e responsabile, che tende la mano a chi rischia di morire e scappa da guerre e persecuzioni e che riporta indietro chi non ha diritto a restare”.

“È la vittoria di chi crede nell’Europa e la sconfitta di chi ha scommesso contro l’umanità intera per tornaconto elettorale” conclude Alfano. 

 

Condividi su:

Bachillerato en línea, l’Honduras fa studiare i suoi migranti sparsi per il mondo

Razzismo. Anonymous svela i membri del Ku Klux Klan, “giù i cappucci”