in

Puglia, cittadini extraue al voto per eleggere ‘simbolicamente’ i sindaci

Bari, 27 maggio 2019 – Sono circa 20 mila i migranti exatracomunitari residenti a Bari e Lecce che hanno potuto esprimere simbolicamente il loro voto per le elezioni amministrative nei due comuni. Nelle due città pugliesi dove si vota per il rinnovo del consiglio comunale sono stati aperti sette seggi (5 a Bari per quasi 14 mila persone e 2 a Lecce più di 7 mila) dove i migranti hanno potuto, fino alle 18 di ieri, scegliere il loro sindaco.

L’iniziativa ‘L’Italia sono anch’io’ è stata voluta dalla Cgil in collaborazione con le associazioni e le comunità di stranieri delle due città. Agli elettori, muniti di carta d’identità, viene fornita una scheda, fac-simile dell’originale, sulla quale esprimere la propria preferenza, poi ripiegata è inserita in un’urna. Entro questa sera si conosceranno il nome dei sindaci simbolicamente eletti dai migranti extracomunitari residenti a Bari e Lecce.

Condividi su:

Mediterraneo, in salvo 290 migranti su due gommoni in avaria

Post elezioni. L’Ungheria ora vuole ‘fermare’ le migrazioni