in

Rackete: ‘Paesi accettino le persone salvate dalle flotte di navi civili’

Roma, 19 luglio 2019 – “Sono stata molto contenta di avere avuto l’opportunità di spiegare tutti i dettagli del salvataggio del 12 giugno. Spero che la Commissione europea, dopo l’elezione del nuovo Parlamento, faccia il meglio possibile per evitare queste situazioni e che tutti i Paesi accettino le persone salvate dalle flotte di navi civili”.

Sono le parole della comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete, che è stata ascoltata dai pm della Procura di Agrigento nell’ambito dell’inchiesta che la vede indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e disobbedienza a nave da guerra. L’attivista tedesca, accompagnata dai suoi legali, è stata sentita per quattro ore dal procuratore aggiunto Salvatore Vella e dai pubblici ministeri Alessandra Russo e Cecilia Baravelli.

“Cosa penso di Salvini? Nulla”, ha detto Rackete rispondendo ai giornalisti in un punto stampa fuori la Procura.

Condividi su:

Ecco perché Facebook deve chiudere le pagine di Salvini e della Lega

Sbarchi. Salvini dice ‘no’ alla proposta di Francia e Germania