in

Regolarizzazione. Dalla sanatoria dei migranti oltre un miliardo di gettito fiscale per lo Stato Italiano

Roma, 17 gennaio 2020 – Con l’emersione di 400.000 persone (ovvero di una parte dei circa 600-700.000 irregolari stimati sul territorio nazionale) si otterrebbero circa 1 miliardo di euro di gettito fiscale e oltre 3 miliardi di maggiori contributi previdenziali.

Questa la stima del parlamententare Riccardo Magi, in merito alla proposta di legge “Ero straniero” a cui il Governo sembra tendere una mano per avviare l’iter in Parlamento.

“Mi auguro che questa volontà politica si concretizzi in tempi rapidi – sottolinea Magi – in attesa di una riforma strutturale che consenta la regolarizzazione su base individuale degli stranieri già radicati nel territorio, come prevede la proposta di legge d’iniziativa popolare “Ero straniero”.
L’emersione di questi lavoratori risponderebbe alle esigenze del sistema produttivo italiano e porterebbe notevoli risorse in termini di gettito fiscale e contributivo. Nessuno Stato democratico può consentirsi di avere nel proprio Paese 700 mila cittadini (queste le ultime stime) che sono dei fantasmi e degli irregolari, e che, magari, hanno un datore di lavoro pronto ad assumerli domani. I benefici per la collettività quindi sarebbero molteplici, anche in termini di maggiore sicurezza per tutti”, conclude.

Sardegna, dal 20 gennaio operativo il primo Cpr per migranti

Di Maio: “Assurdo il regolamento di Dublino che ci impedisce di ridistribuire le persone che arrivano”