in

Renzi e Alfano: “Senza l’impegno dell’Italia, Mediterraneo pieno di morti”

La risposta a Salvini. Il premier: “convinti del nostro impegno”. Il ministro dell’Interno: “Ogni sforzo contro i mercanti di morte”

Roma – 1 luglio 2014 – “La giornata  di oggi è segnata dal dibattito sull’ immigrazione e una  volta di più il dolore per ciò che accade quotidianamente sul nostro mare, ma anche dalla grande convinzione del lavoro che stiamo svolgendo come Italia. Non c’è la controprova ovviamente, ma quanti sarebbero stati i morti se non avessimo fatto ciò che abbiamo fatto finora?”

Ieri sera Matteo Renzi, dopo il Consiglio dei ministri, è tornato a difendere l’operazione Mare Nostrum. Una risposta indiretta al segretario della Lega Nord Matteo Salvini, che dopo l’ennesima strage, 30 migranti asfissiati in un barcone, aveva detto che Renzi e Alfano hanno le “camicie sporche di sangue” per quello che sta succedendo.

Di immigrazione ha parlato poi diffusamente il ministro dell’interno Angelino Alfano, partendo dal rapporto con l’Europa.

“I risultati del consiglio europeo – ha detto – sono risultati importanti. Consacrano il punto crociale del nostro impegno e cioè che il mediterraneo è una frontiera europea e che in quel Mediterraneo si deve impegnare l’Agenzia Frontex. È ciò che chiedevamo e su questo impegneremo durante il semestre di presidenza italiana. Nel semestre ci giochiamo tutto, dobbiamo cambiare faccia all’Europa su questo argomento”.

Giovedì è previsto un incontro al Quirinale tra governo italiano e commissione europea per l’avvio del semestre dio presidenza italiana. Il commissario Ue all’immigrazione Ceclilia Malmstrom ha però annunciato che non ci sarà. “Sarebbe un segnale brutto nei confronti di un dramma europeo e un grave problema nel rapporto tra Italia e Ue”.

“I mercanti di morte hanno fatto altre vittime con i trenta morti di queste ore. Ogni sforzo sarò fatto contro mercanti di morte, duecento scafisti sono stati arrestati nell’ultimo anno e rimarranno in galera finchè non riveleranno anche il nome dei complici e ci fanno capire il giro che si fa per finanziare organizzazioni che sul traffico di esseri umani lucrano al di là del Mediterraneo e oltre la sponda africana, intervenendo ne Sahara e nel Corno d’Africa”.

Infine, una risposta dura al segretario della Lega Nord.“Il mar mediteranno darebbe diventato pieno di cadaveri – ha sottolineato il ministro dell’Interno – se avessimo dato retta ad alcune ricette, a cominciare da quella di Matteo Salvini”
 

Condividi su:

Università, accademie e conservatori. Si chiudono le iscrizioni dall’estero

Colf, badanti e babysitter. Si pagano i contributi