in

Rom a bordo, il senatore leghista su FB: “Vera compagnia low cost”

Giacomo Stucchi, presidente del Copasir, dà in pasto ai suoi fan la foto di un’ignara famiglia che viaggia nel suo stesso aereo verso la Romania. E i commenti razzisti si sprecano

 

Roma – 10 ottobre 2016 – Un selfie dall’aria preoccupata, i passeggeri in fila sulla scaletta dell’aereo, un papà e una mamma con un bambino in braccio. 

Il senatore leghista Giacomo Stucchi, presidente del comitato parlamentare di controllo dei servizi segreti (Copasir), stamattina si è improvvisato fotoreporter prima di volare da Bergamo in Romania. “In partenza da #OrioalSerio per Bucarest. Compagnia #lowcost. Vera low-cost.#nuoveesperienze” ha scritto su Facebook accanto ai suoi scatti. 

A convincere Stucchi che la compagnia Blue Air è una “vera low cost”, sarebbe stata proprio l’ignara famiglia finita sul sedile dietro di lui e nella memoria del suo cellulare. È presumibilmente di etnia rom e, a giudicare dalla presentazione, troppo povera per i gusti del senatore. Dopo che l’ha data in pasto a Facebook, oscurando solo il volto del bambino, i commenti xenofobi dei suoi fan si sono sprecati, in italiano e in bergamasco. 

Qui di seguito ne riportiamo alcuni, con nomi e cognomi degli illuminati autori:

Giuseppe Rampolla:  “Occhio al portafoglio”; Serena Fassi: “Ocio ai valisss!”; Marco Prandini:”Purtroppo è peggio Milano centrale e dintorni. Fidati”.   Cristiano Aldegani: “Madoname che bela compagnia”. Claudio F. Lorenzi:  Sperem chi turne mia ndre..chi le..”; Gigi Luigi Uberti : “Speriamo che restino di là!!!”; Luca Paolini: “ beh…il fatto che vadano in aereo significa che in Italia si guadagna abbastanza bene….da non dover prendere l’autobus…”

E così, mentre il presidente del Copasir si godeva il suo viaggetto in Romania (“Nessun problema. Tutto ok. Ora già al lavoro” ha scritto poi per tranquillizzare gli amici) , a quella mamma e a quel papà additati come ladri e poveracci forse fischiavano le orecchie. (Brutte) cose che capitano quando hai un leghista come compagno di viaggio. 

EP

Una delle foto pubblicate su Facebook da Stucchi (solo il volto del bambino era già oscurato, quelli degli adulti sono stati oscurati da Stranieriinitalia.it) 

Condividi su:

Immigrati, M5s: da quando c’è Renzi sbarchi in Italia triplicati

Italiani senza cittadinanza, fantasmi in piazza per la riforma