in

Salvini: ‘A casa migranti che delinquono’

Roma, 23 novembre 2018 – “Battaglia agli spacciatori di morte, ma anche al richiedente asilo che commette un reato. Ti ospito, scippi? Stupri? Commetti mezzo errore? Dal 3 dicembre ti convoco e ti mando a casa tua”. Da Olbia, per una due giorni in Sardegna, Matteo Salvini ribadisce la linea poliziesca intrapresa dal Governo. E a “qualche fenomeno di sinistra” che “parla di razzisti carogne” dice: “razzisti loro, per i quali gli stranieri vengono prima dei sardi e degli italiani. A Cagliari hanno imbrattato la nostra sede, vedono fascisti e nazisti dappertutto. Se diciamo prima i sardi non è razzismo è buon senso. Se ho poche risorse, poche case popolari, pochi sussidi, prima li do a un sardo e a un italiano”.

Condividi su:

Elezioni europee: sono 3.596 i comunitari iscritti per votare a Roma

Lettera a Salvini. ‘Cittadinanza, col decreto sicurezza è impossibile pianificare il nostro futuro’