in

Salvini: ‘Serve immigrazione qualificata, finita l’era dei barconi’

Roma, 18 giugno 2019 – Con il vicepresidente Mike Pence il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, nonostante la comunanza di vedute, non ha parlato molto di migranti, perché “il controllo dell’immigrazione è un problema ormai di ridotte dimensioni”, ha detto Salvini da Washington dopo l’incontro con Pence.

Salvini ribadisce che ora “l’emergenza è rilanciare l’Italia dal punto di vista economico”, ma se proprio si vuole parlare di immigrazione, da una parte “non ci sono i numeri per cambiare le regole di Dublino, perché non interessa a nessuno se non ai Paesi del Mediterraneo”, “anche se ci proveremo non ci conto”, resta “l’obiettivo di controllare gli ingressi”.

E dagli Usa Salvini porta un’idea, quella di “una immigrazione qualificata”, non per numeri, che “è un modello che da domani approfondisco al Viminale. Un’immigrazione per merito, per titoli, sulla base delle necessità del Paese ospitante; è un modello questo che porta valore aggiunto, non quello dei barconi”.

Quello dei barconi per Salvini è finito: “Io un porto italiano non lo do, aprano i porti europei poi qualcuno magari lo prendiamo noi, non l’inverso, visto in passato in quanti hanno mantenuto la parola data… fateli sbarcare… poi tante offerte di accoglienza abbiamo ricevuto”, ha ironizzato, concludendo: “Quindi ora noi non li facciamo sbarcare”.

Condividi su:

Migranti. L’Ue: ‘Sbarcare in Libia non è sicuro’

Stati Uniti. Trump: ‘Settimana prossima al via espulsione di milioni di migranti’