in

Senato. M5S: presentato ddl ‘tripartisan’ su prima accoglienza degli immigrati

Il provvedimento presentato dalle senatrici Bignami (M5S), Finocchiaro (Pd) e Mussolini (FI) e' stato sottoscritto da oltre trenta senatori dei diversi schieramenti, motivati dalla volonta' di tutelare la dignita' umana, principio che e' alla base di ogni convivenza civile

Roma, 17 gennaio 2014 – E' stato depositato ieri in Senato un disegno di legge 'tripartisan', che mira a sanare un grave vuoto normativo in materia di regolazione del fenomeno dell'immigrazione e nello specifico per quanto attiene alle procedure di prima accoglienza.

Lo rende noto un comunicato del Movimento 5 Stelle in Senato.

Il provvedimento presentato dalle senatrici Bignami (M5S), Finocchiaro (Pd) e Mussolini (FI) e' stato sottoscritto da oltre trenta senatori dei diversi schieramenti, motivati dalla volonta' di tutelare la dignita' umana, principio che e' alla base di ogni convivenza civile.

 ''Il disegno di legge – spiega la senatrice Laura Bignami – mira a garantire l'accoglienza adeguata di persone portatrici di esigenze particolari, quali minori, anziani, donne in stato di gravidanza, genitori singoli con figli minori, persone che hanno subito torture, stupri o altre forme gravi di violenza. L'accoglienza va garantita non solo ai soggetti deboli richiedenti asilo, ma a tutti coloro che giungono, per vari motivi, nel territorio nazionale''.

 ''Nello specifico – prosegue – si stabilisce che nei centri di identificazione e accoglienza siano previsti servizi stabiliti in collaborazione con la ASL competente per territorio, per garantire misure assistenziali particolari e un adeguato supporto psico-pedagogico finalizzato alle esigenze della persona. Auspico che vista l'urgenza e la delicatezza del tema affrontato, – conclude la senatrice – il disegno di legge possa avere in Senato un iter spedito e una rapida approvazione".
 

Condividi su:

Gasparri: “No all’abolizione del reato di clandestinità”

Calcio Napoli. Tra i pali c’è Nikita, “portiere del futuro”