in

Sicilia. Migranti, gestione centri: 16 arresti

Palermo, 12 dicembre 2018 – Dodici persone sono state arrestate (due finite in carcere e 10 ai domiciliari) per associazione a delinquere, frode nelle pubbliche forniture e caporalato, reati commessi nella gestione di centri per richiedenti asilo. Sequestrate anche otto tra società cooperative e associazioni. Le ordinanze sono state emesse dai Gip di Gela e Catania – su richiesta delle due procure, nell’ambito di indagini collegate – ed eseguita dalla polizia della città nissena e dai carabinieri della sezione pg del capoluogo etneo. Al centro delle inchieste delle Procure di Catania e di Gela, la gestione di cooperative e associazioni che si occupavano di migranti minorenni non accompagnati, per un giro d’affari complessivo stimato in circa 20 milioni di euro. I reati contestati, a vario titolo, sono corruzione, frode, estorsione e maltrattamenti. Secondo l’accusa era stato creato un sistema che, grazie anche alla collaborazione di due dipendenti dell’Inps, Natale Di Franca a Catania, e Paolo Duca a Sondrio, si “fondava sull’assunzione in cooperative e associazioni dei parenti dei funzionari pubblici addetti al controllo del settore, creando una commistione tra controllore e controllato”. In particolare sottolinea la Procura di Catania, “Di Franca avrebbe ottenuto ulteriori benefici per i propri congiunti, dipendenti di cooperativa” e “Duca avrebbe avuto assunto la moglie”; in cambio “favorivano le pratiche di gestione delle associazioni” e davano loro “informazioni sull’imminente esecuzione di controlli o ispezioni, e tralasciando di applicare le sanzioni previste per le infrazioni rilevate durante le verifiche”.

Condividi su:

Card. Parolin: ‘Arginare fenomeno del razzismo’

Monika Jakieła imprenditrice polacca in Italia tra le ‘Stelle del Business 2018’