in

Università. Entro il 10 luglio le domande per venire a studiare in Italia

 

Le aspiranti matricole che vivono all'estero devono fare la preiscrizione tramire i consolati italiani. Ecco tutta la procedura per atenei, accademie e conservatori

 

Roma – 7 luglio 2015 – Ultima chiamata per chi vuole venire in Italia a frequentare un'università, un'accademia o un conservatorio a partire dall'anno accademico 2015-2016. Entro venerdì va presentata la domanda. 

La scadenza non riguarda i ragazzi e le ragazze straniere che vivono già regolarmente in Italia, compresi i figli degli immigrati che magari hanno in tasca un permesso di soggiorno per motivi familiari. Questi possono infatti iscriversi a parità di condizioni con gli italiani.

Il discorso cambia per i giovani stranieri che sono ancora nei Paesi d'origine. Per loro è prevista una procedura che inizia con la preiscrizione dall'estero, passa attraverso una richiesta di visto di ingresso per l'Italia e si conclude solo dopo il superamento di una prova di italiano e di eventuali test di ammissione. 

La prima cosa da fare è scegliere cosa studiare e dove. Le università e le istituzioni di Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM) hanno infatti riservato in ognuno dei loro corsi un certo numero di posti agli studenti stranieri che arrivano dall’estero. Qui trovate quelli disponibili nelle università, qui invece quelli nelle accademie e nei conservatori

Fatta la scelta, bisogna presentare una domanda di preiscrizione per l’anno accademico 2015/2016 presso il consolato italiano nel proprio Paese. Il termine ultimo è il 10 luglio 2015, quindi rimangono solo un paio di settimane. Qui trovate  la procedura e i moduli. Il consolato  girerà la domanda all’università ed entro il 24 agosto rilascerà il visto d'ingresso allo studente, in modo che possa entrare in Italia a sostenere gli esami. L'esame di italiano, fissato per il 3 settembre e obbligatorio quasi per tutti, poi ci sono i testi di ammissione per le  facoltà a numero chiuso

Solo chi supererà gli esami potrà effettivamente iscriversi all’università e vivere in Italia, grazie a un permesso di soggiorno per motivi di studio. 

Le università italiane offrono ancora pochi corsi in inglese,  le borse di studio e gli alloggi nelle residenze universitarie sono insufficienti e gli sbocchi lavorativi dopo la laurea sono tutt'altro che entusiasmanti. Un panorama che spiega bene il basso tasso di studenti stranieri nei nostri atenei: appena il 4% del totale, la metà riispetto alla media europea.

Stranieriinitalia.it

Condividi su:

Boldrini: “La Tv spieghi l’immigrazione, non la usi per creare scontro”

Sono un immigrato irregolare. Che succede se do un nome falso alla Polizia?