in

Università. Fissate le date per i test d’ingresso nelle facoltà a numero chiuso

Tra il 6 e il 13 settembre le prove per Medicina, Odontooiatria, Veterinaria, Architettura e Professioni sanitarie. Gli studenti stranieri che sono ancora all’estero dovranno però passare, come sempre, per la preiscrizione

 

 

Roma – 27 gennaio 2016 – Aspiranti medici, veterinari, dentisti, architetti e infermieri tirino fuori l’agenda. Il ministero dell’Università ha fissato ieri il calendario delle prove per entrare nei ai corsi di laure ad accesso programmato nazionale per l’anno accademico 2016/17

I primi test saranno quelli per Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua italiana, previsti per il 6 settembre, quelli per Medicina Veterinaria si terranno il 7 settembre, quelli per Architettura l’8. La settimana dopo, il 13 settembre, toccherà alle Professioni sanitarie, infine il 14 ai corsi di Medicina e Chirurgia in lingua inglese.

Queste date riguardano tutti gli studenti, anche stranieri. Se risiedono già regolarmente in Italia, potranno iscriversi seguendo la normale procedura prevista per gli italiani, mentre per quelli che sono ancora all’estero e vorrebbero venire a studiare in un nostro ateneo dovranno prima passare per una procedura di preiscrizione. 

Ogni anno, le aspiranti matricole residenti all’estero sono chiamate infatti a presentare una domanda ai consolati italiani nei loro Paesi. È l’inizio di un percorso che porterà aò il rilascio di un visto d’ingresso, grazie al quale potranno venire in Italia a sostenere i test per le facoltà a numero chiuso e una prova d’italiano, necessaria per entrare in tutte le facoltà. 

Chi supererà le prove potrà iscriversi alla facoltà e rimanere in Italia con un permesso di soggiorno per motivi di studio. Ad oggi non è ancora possibile presentare le domande di preiscrizione, in genere bisogna aspettare maggio o giugno. Stranieriinitalia.it pubblicherà come sempre ogni novità a riguardo. 

Stranieriinitalia.it

Condividi su:

Giornata della Memoria. Mattarella: “Leggi razziali una vergogna per l’Italia”

Ai Weiwei: “Niente mostre nella Danimarca che sequestra i beni ai profughi”